08 settembre 2016 | 12:36

Il deputato Pd e segretario della Commissione di Vigilanza, Anzaldi: i ministeri dell’Economia e dello Sviluppo Economicano chiariscano sulle assunzioni esterne in Rai

“Si chiede di sapere se il Mef, azionista della Rai, e il Ministero dello Sviluppo Economico non ritengano che siano state violate le norme di trasparenza definite dalla legge e dal Piano Anticorruzione vigente in Rai per l’assunzione del personale dirigente da parte di società a partecipazione pubblica”. E’ la richiesta avanzata dal deputato del Partito democratico e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi, in un’interrogazione parlamentare indirizzata al ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, e al ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda.

Michele Anzaldi (foto Primaonline)

Michele Anzaldi (foto Primaonline)

“Secondo notizie di stampa”, ha spiegato Anzaldi, “l’Anac, Agenzia Nazionale Anticorruzione, starebbe per concludere l’istruttoria aperta in seguito all’esposto del sindacato Usigrai in merito ad alcune assunzioni in Rai che sarebbero avvenute in violazione del Piano Anticorruzione approvato dal Consiglio di Amministrazione della Società. Al Ministero-Azionista e al Ministero vigilante per il rispetto del Contratto di servizio si chiede di conoscere: il numero totale dei dirigenti esterni assunti dal nuovo vertice della Rai; il costo aggiuntivo determinato dalle nuove assunzioni; il numero di assunzioni a tempo indeterminato; se è stato violato il tetto del 5% fissato dalla legge di riforma della Rai e dallo Statuto; se sono state violate le procedure di reclutamento del personale che obbligano ad una preventiva ricognizione dei dirigenti interni attraverso lo strumento del job posting; se è vero, come è stato riferito da alcuni organi di stampa, che la precedente Direzione Risorse Umane avesse più volte segnalato anomalie nelle procedure; se è vero che i precedenti Direttori degli Affari Legali, delle Risorse Umane, dell’Internal Auditing, responsabile anche dell’Anticorruzione, e delle Strategie tecnologiche abbiano già lasciato o stiano per lasciare l’Azienda; se è vero che con i predetti dirigenti siano stati sottoscritti accordi di incentivazione e, in caso affermativo, il costo aziendale delle singole incentivazioni”.

“Sempre con riferimento alle assunzioni esterne “, ha proseguito il deputato nell’interrogazione ripresa dalle agenzie, “in relazione ad articoli di stampa secondo cui sarebbe stata istituita una nuova direzione di corporale denominata ‘Security e Safety’, si chiede di sapere: se ciò risponda al vero; se è vero che ne sia stato nominato direttore il dr. Gianseric Cantournet; se è vero che il dr. Cantournet sia stato assunto dopo una selezione affidata alla società ‘Salvia Cantournet and Partners’ di cui è socio e presidente il padre; se è vero che al dr. Cantournet, essendo cittadino francese, non sia stato possibile conferire il NOS (Nullaosta Segretezza) e che per tale motivo la Rai abbia dovuto rinnovare il contratto anche al precedente responsabile, dr. Alfonso d’Alfonso, dirigente generale del Ministero dell’Interno e Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, già titolare di NOS”.