08 settembre 2016 | 16:28

L’Ue concede più tempo a Google per rispondere alle accuse contro Android per abuso di posizione dominante: data limite estesa fino al 20 settembre

L’Antitrust Ue ha deciso di concedere a Google tempo sino al 20 settembre per presentare la sua risposta alle accuse rivolte contro Android per abuso di posizione dominante. E’ quanto conferma un portavoce della Commissione Ue. L’allungamento dei tempi era però già stato concesso ad Alphabet diverso tempo fa, precisano a Bruxelles. Si tratta tra l’altro della seconda estensione della data limite, dopo una prima che era stata fissata per il 27 luglio e una seconda al 7 settembre.

Per ora, segnala Ansa, la data del 20 è confermata. Mountain View è accusata di imporre l’uso di Google Search e Chrome per accedere alle altre app Google tramite il suo sistema operativo, presente su oltre l’80% degli smarthphone al mondo.

Sundar Pichai, ceo di Google

Oltre a questo su Android, Google ha aperti con Bruxelles altri due contenzioni, uno per favorire il suo servizio di shopping online tra i risultati delle ricerche e l’altro per impedire la concorrenza sul mercato della pubblicità legata alle ricerche online.