Virginia Raggi contro i giornalisti: mi fate pena. Il sindaco di Roma su Facebook: cosa vi hanno ordinato di catturare oggi?

(Ilgiornale.it)  “Buongiorno a quei poveri giornalisti che aspettano ore e ore sotto casa mia…”. Dopo la polemica sulla scorta Virginia Raggi si scatena sulla sua pagina Facebook contro i reporter assiepati in attesa di vederla uscire di casa.

 

“Cosa vi hanno ordinato di catturare oggi? Un dito nel naso, i capelli fuori posto, mio figlio che magari fa i capricci per dire che sino una madre snaturata?”, si sfoga il sindaco di Roma pubblicando una foto (guarda) dei giornalisti, “Mi fate un po’ pena a dir la verità: tutta la vostra vita passata ad aspettare che qualcuno “inciampi”… Forse siamo già al giornalismo 3.0? Ad ogni modo, se faccio presto, oggi butterò l’immondizia: state pronti! Sia mai sbagli bidone, potete vincere il Pulitzer!”

Poi ha deciso di rispondere con la stessa arma e ha ripreso la sua uscita di casa, mentre le telecamere, gli obiettivi e i microfoni la “braccavano” .

“C’è gente che ci odia! È contenta sindaco? È contenta?”, dice un fotografo nel video: “Beh… Se pubblicare una foto di voi sotto casa, può portare a tanto, forse non è solo merito mio”, replica lei su Facebook, “E immaginate cosa potrebbe accadere se pubblicassi il video del buongiorno quotidiano! La trasparenza è anche questa: che le persone sappiano come fate vivere non tanto me, ma mio figlio (che non ha alcuna responsabilità in questa follia che state creando). P.s. Ho un’altro video di giornalisti che scattano foto mentre porto Matteo al centro estivo e mentre esco dal centro estivo… Facciamo che è come se l’avessi pubblicato?”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale