14 settembre 2016 | 12:27

Nessun tentativo di impoverire le edizioni del lunedì. I direttori e l’editore del gruppo Poligrafici replicano ai comitati di redazione: entrino nel merito delle questioni

Dopo che i comitati di redazione delle testate del gruppo Poligrafici hanno dichiarato lo stato di agitazione con la motiviazione che l’editore avrebbe ridotto le pagine di cronaca e sport nell’edizione del lunedì, impoverendo i contenuti, è arrivata la replica dell’azienda e delle direzioni di testata. Eccola:

“Cari lettori,

è doveroso rispondere al comunicato sindacale per onore della verità e per raccontare quanto c’è di vero della posizione assunta dai comitati di redazione e quanto invece sia esclusiva propaganda. Il settore editoria sta attraversando ormai da diversi anni una crisi strutturale che interessa tutti i quotidiani. A questa crisi, l’azienda ha sempre risposto con interventi il più possibile non traumatici come il pensionamento volontario ma comunque finalizzati alla conservazione dei livelli occupazionali e dei livelli salariali. Tutto ciò ha significato mantenere inalterata la qualità del prodotto. È indubbio che per riuscire a ottenere questo risultato tutte le componenti aziendali hanno dovuto sopportare sacrifici, nessuna esclusa.

Per tali motivi respingiamo con forza l’affermazione dei Cdr, ovvero che l’azienda avrebbe intenzione di impoverire il prodotto del lunedì, per il quale al contrario verrà garantita medesima dignità sia in tema di contenuti che di foliazione. Anche sull’affermazione relativa ai «tagli indiscriminati e privi di logica»: la direzione aziendale e le direzioni delle testate hanno invitato i comitati di redazione a entrare nel merito delle questioni e dell’organizzazione del lavoro, invito che è stato respinto senza alcuna motivazione. Il coordinamento dei cdr ha preferito sottrarsi ad ogni richiesta di approfondimento nei contenuti.

Le Direzioni di Testata, L’Azienda”