Apple in trattative per comprare il produttore di auto sportive inglese McLaren. Secondo il Financial Times l’accordo nei piani di Cupertino per cambiare il mondo delle 4 ruote

Apple in trattative con McLaren Technology Group, il produttore di auto sportive inglese e squadra della Formula 1, per una possibile acquisizione. A scriverlo il Financial Times, citando alcune fonti, secondo le quali la mossa è il segnale più chiaro di come Cupertino punti a trasformare l’industria delle quattro ruote. McLaren potrebbe essere valutata sui 2 miliardi di dollari e per Apple si tratterebbe della maggiore acquisizione dopo i tre miliardi di dollari spesi per acquistare Beats Electronics. L’acquisizione, spiega il quotidiano, potrebbe accelerare il progetto per le auto senza guidatore di Apple.

Tim Cook (foto Olycom)

McLaren, che al momento ha smentito le voci circolate, produce auto di lusso sportive che possono costare anche un milione di dollari l’una. McLaren ha prodotto lo scorso anno 1.654 auto, generando ricavi per 450 milioni di sterline e si è impegnata a investire un miliardo di sterline nei prossimi sei anni in ricerca e sviluppo.

Negli ultimi mesi Apple e’ stata sotto pressione degli analisti per l’acquisizione o un investimento in Tesla.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva