23 settembre 2016 | 9:10

L’italiana Moleskine passa a una società belga. D’Ieteren acquista il 41% e lancerà l’Opa. Il gruppo delle famose agendine è valutato 506 milioni di euro

Il gruppo belga D’Ieteren ha annunciato di aver chiuso un accordo per l’acquisto del 41% di Moleskine dai fondi azionisti Syntegra Capital e Index Ventures a un prezzo di 2,4 euro per azione e che, una volta conclusa l’operazione, lancerà un’Opa sulle azioni restanti allo stesso prezzo.

Roland D'Ierteren, chairman del gruppo

Roland D’Ierteren, chairman del gruppo

Oggi il titolo Moleskine ha chiuso a 2,14 euro. Nel comunicato si precisa che l’Opa, che valorizza Moleskine 506 milioni di euro, non è condizionata al raggiungimento di alcuna soglia di adesione e avverrà nell’ultimo trimestre del 2016. Se raggiungerà il numero di azioni necessario, D’Ieteren preannuncia che procederà al delisting. L’offerta pubblica di acquisto sarà finanziata mediante una combinazione di disponibilità liquide e prestiti bancari, spiega ancora la nota.(Reuters).

Moleskine nasce come marca nel 1997, riproducendo il leggendario taccuino degli artisti e intellettuali degli ultimi due secoli, da Vincent Van Gogh a Pablo Picasso, da Ernest Hemingway a Bruce Chatwin. Creata dall’esperienza di Modo&Modo, il piccolo editore milanese che nel 1997 ha creato il Moleskine trademark, riscoprendo e rinnovando una straordinaria tradizione. Nell’autunno 2006, Modo&Modo spa è stata acquistata da SGCapital Europe, ora Syntegra Capital.

Dall’aprile 2013 Moleskine è quotata alla Borsa di Milano. Moleskine è un’azienda creativa in continua crescita. Conta circa 200 dipendenti e una vasta rete di partner e collaboratori. La sua sede principale è in Italia a Milano. Il Gruppo Moleskine include inoltre Moleskine America, Inc. (costituita nel 2008), Moleskine Asia, Ltd (2011), la quale controlla interamente Moleskine Shanghai e Moleskine Singapore, Moleskine France (2013) e Moleskine Germany (2013), tutte società interamente partecipate.