Niente sconti da parte di Mediaset a Vivendi: l’acquisto di Premium è vincolante. Pista spagnola con Telefonica per uscire dall’impasse

Mediaset non farà sconti a Vivendi. Lo conferma il Giornale, ricordando che oggi è previsto il cda in cui Mediaset potrebbe prendere le prime decisioni dopo che il gruppo francese si è rifiutato di procedere all’acquisto della pay tv Premium come previsto da contratto. Un contratto “vincolante firmato lo scorso aprile”, ricorda il quotidiano.

L’acquisto di Premium era il “primo passo verso la costruzione di un’asse Mediaset-Vivendi per creare un polo europeo per contenuti esclusivi dedicati al piccolo schermo”, scrive il Giornale. Un polo che potesse competere con gli americani di Netflix.

A luglio, però, il dietrofront inatteso con l’accusa che i conti di Premium non fossero reali e la richiesta di Vivendi di rivedere gli accordi. Così Mediaset e Fininvest decidono di avviare le azioni legali con annessa richiesta danni per oltre un “miliardo e mezzo di euro”, più “50 milioni di euro al giorno”.

Intanto, secondo il Giornale, Vivendi, affiancata da Mediobanca, starebbe “sondando Telefonica (già socia di Premium con l’11%) e fondi mediorientali per un riassetto della pay tv che vedrebbe sia i francesi sia Cologno Monzese al 40% e soci terzi con un complessivo 20 per cento”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Al forum di Wpp Italia e TEH Ambrosetti tutto sui Millennials, la generazione che sta cambiando la società e la pubblicità

Malagò ancora contro il Governo: con quattro righe è stato ucciso il Coni

Il Wall Street Journal vara una task force contro fake news e video artefatti