29 settembre 2016 | 12:40

Brunetta e Meli deferiti per il botta e risposta a ‘L’aria che tira’. La giornalista: “ha problemi psicologici gravi”. Il presidente dei deputati di Forza Italia: “faccia il suo mestiere, non la portavoce di Renzi” (VIDEO)

Il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino, ha segnalato all’Ordine del Lazio Maria Teresa Meli per aver dato del ‘buffone’ al presidente dei deputati di Forza Italia, Renato Brunetta, durante la puntata di ieri de “L’aria che tira”. Deferito pure Brunetta, che è anche giornalista, per gli epiteti con cui ha apostrofato la Meli. Lo rende noto lo stesso Iacopino, rispondento alla richiesta rivoltagli da Brunetta “di intervenire e valutare se il comportamento della Meli sia o meno passibile delle sanzioni previste dall’Ordine al quale appartiene”.

Un momento del diverbio

Brunetta, ricorda Iacopino, “dimentica che con una legge, la cd Severino, approvata con il suo voto, mi sono stati tolti i poteri disciplinari, conferiti ad organismi autonomi ai quali posso, al più, inoltrare una segnalazione. L’ho fatto, oggi stesso. Ho, infatti, inviato copia della puntata all’Ordine del Lazio, per le valutazioni autonome che riterrà di assumere sul comportamento di Maria Teresa Meli”.

“Analoga cosa – prosegue Iacopino – ho, però, fatto in relazione alle affermazioni del giornalista Brunetta, iscritto allo stesso Ordine del Lazio, il quale, immediatamente prima di sentirsi dare del ‘buffone’ dalla giornalista Meli, l’ha definita ‘portaborse’ e ‘portavoce’ di Renzi. Espressioni che non appaiono un modo cortese di rispondere ad una legittima domanda, senza considerare la concitazione e l’aggressività con la quale sono state pronunciate. Sono certo che l’on. Brunetta non reclamerà la insindacabilià del suo comportamento, in quanto parlamentare della Repubblica”, conclude Iacopino”.

Parlando della direttiva Bolkestein – approvata durante il semestre italiano all’Ue, come ricordato in studio durante la trasmissione – il clima si è acceso. “Brunetta ha dei problemi psicologici gravi”, ha detto Meli. Il presidente dei deputati di Forza Italia ha immediatamente replicato: “Meli è la portavoce di Renzi non sa parlare di altro. I lavoratori ambulanti sono la mia famiglia”. “Lei non è in grado di rispondere”, ha ribattuto Meli e Brunetta: faccia il suo mestiere”. “E lei faccia il suo, faccia il politico non il buffone”. Per concludere Brunetta le ha dato della “cattivissima”, “asservita a Renzi”. Ecco il video del diverbio: