Share dell’8,13% e poco meno di 1,8 milioni di spettatori per il ritorno di Michele Santoro in Rai con il suo nuovo programma ‘Italia’

Poco meno di 1 milione 800mila spettatori e share dell’8,13% ieri sera su Rai2 per il ritorno di Michele Santoro con il suo programma ‘Italia’. La puntata trattava del confronto a distanza tra i veri ricchi e coloro che s’illudono di poterlo essere anche solo per qualche giorno, anche con conseguenti eccessi nei comportamenti, frequentando luoghi come Ibiza e simili, vocati da anni al turismo ‘mordi e fuggi’ di giovani e meno giovani.

Alla vigilia della partenza di questo programma, il cui titolo richiama il famoso dirigibile di Umberto Nobile, riproposto dalla scenografia in studio, Santoro aveva parlato di linguaggio nuovo per la tv, di sperimentazione,  come può esserlo la formula di puntate in onda a distanza di diverse settimane l’una dall’altra.

Nella foto Michele Santoro nello studio di ‘Italia’

Il direttore della rete, Ilaria Dallatana, non aveva fatto previsioni sulle aspettative di ascolti, puntando anche lei sulla sperimentazione.

“Un risultato ottimo”, il primo commento del direttore di rete Ilaria Dallatana , che alla vigilia della messa in onda non aveva fatto previsioni sulle aspettative di ascolti, sottolineando l’aspetto della sperimentazione. “Con la qualità di questa sua prima trasmissione, Santoro è riuscito a conquistare ascolti senza battere sull’agenda politica stretta”

“L’ approfondimento di temi di attualità per fornire nuovi strumenti di lettura della realtà nella quale viviamo credo sia una missione fondamentale del Servizio Pubblico e da questo punto di vista il primo passo compiuto ieri da Santoro è andato esattamente nella direzione che insieme ci eravamo prefissi”, ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai, Usigrai scrive a Fico, Casellati e Vigilanza: con riproposizione di Foa per la presidenza attenzione a rischi illegittimità

M5S attacca Odg: non serve. Abolizione già sul tavolo del governo. Replica Fnsi: ritorsioni non fermeranno la stampa

Rai: il 26 settembre alle 13 audizione per Foa in Vigilanza. Alle 19.30 il voto della commissione