Gli utenti unici mese contano più della diffusione cartacea. L’associazione degli editori di news statunitensi modifica gli standard per l’affiliazione. Il presidente: un cambiamento atteso da tempo

Rivoluzione in corso all’American Society of News Editors, che annuncia un “significativo cambiamento” nella sua “struttura di membership”. Maggior peso viene, infatti, attribuito ai numeri dei media digitali rispetto al passato a discapito della centralità finora della carta stampata.

Mizell Stewart III, presidente Asne

In pratica, le nuove tariffe di membership vengono ricalcolate sulla base del numero di utenti unici al mese e non più sulla diffusione: 395 dollari per gli editori che hanno più di 10 milioni di utenti unici, 295 dollari tra il milione e i 10 milioni di utenti unici, 195 dollari tra i 500mila e il milione di utenti unici e 95 dollari per chi ha meno di 500mila utenti unici al mese.

“Era un cambiamento atteso da tempo”, ha spiegato a Poynter Mizell Stewart III, presidente Asne e vice president for news operations di Gannett, che edita, tra gli altri, Usa Today. “Ormai il medium digitale è la prima piattaforma di storytelling e la prima fonte di news e informazioni per i lettori”. Ora “La struttura di membership di Asne risponde alla realtà”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Cannes Lions: vincono Pritchard e P&G. Bene l’Italia con Diesel e Publicis

Vodafone lancia ho, low cost che sfida Iliad: 6,99 euro per minuti e sms illimitati e 30 Giga

Thompson (Nyt) giudica gli Ott: Google creativo, Fb complicato, Tw migliora ma sui social poca trasparenza