Nicola Lagioia scelto come nuovo direttore del Salone del Libro di Torino. Lo scrittore: subito al lavoro, organizzeremo un evento bellissimo

Nicola Lagioia è il nuovo direttore del Salone del Libro di Torino. La nomina, anticipata sul suo sito dal quotidiano La Repubblica di cui lo scrittore è commentatore, è stata confermata all’Ansa. Il nome di Lagioia è stato comunicato questa mattina ai soci della Fondazione per il Libro, l’ente promotore della buchmesse torinese, dal presidente in pectore Massimo Bray e, spiega ancora l’agenzia, sarà ratificata dal cda dell’ente convocato per domani mattina.

Nicola Lagioia

La scelta di Lagioia, che ha vinto il premio Strega 2015 con ‘La Ferocia’, pubblicato da Einaudi, è stata fatta dall’Alto Comitato di Coordinamento del Salone del Libro di Torino, di cui fanno parte il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino e la sindaca di Torino Chiara Appendino, e dallo stesso consiglio di amministrazione della Fondazione.

“Il Salone del Libro di Torino è un appuntamento che ha scandito tutta la mia giovinezza, come lettore, scrittore, operatore di una casa editrice, operatore culturale”, ha commentato Lagioia. “Dialogherò con tutti gli editori, faremo un Salone bellissimo”, ha detto raccontando la sua esperienza personale alla manifestazione. “Sono sempre venuto sin da quando ero un ragazzo al Salone di Torino e proprio qui all’età di 25 anni ho trovato il mio primo lavoro come redattore di una casa editrice. È una città a cui sono molto legato”. “Torino è una città che ha puntato sulla cultura e ha realtà importanti come il Circolo dei Lettori, la Scuola Holden, Torino Spiritualità. Un patrimonio che spero possa dialogare con il Salone”. “Devo mettermi al lavoro subito”, ha concluso. “Ho tante idee, appena prenderanno forma ve le racconterò”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai, Usigrai scrive a Fico, Casellati e Vigilanza: con riproposizione di Foa per la presidenza attenzione a rischi illegittimità

M5S attacca Odg: non serve. Abolizione già sul tavolo del governo. Replica Fnsi: ritorsioni non fermeranno la stampa

Rai: il 26 settembre alle 13 audizione per Foa in Vigilanza. Alle 19.30 il voto della commissione