23 ottobre 2016 | 16:05

La redazione del ‘Sole’ in rivolta. Il Cdr proclama cinque giorni di sciopero: vista la situazione i giornalisti, anche in qualità di azionisti, hanno deciso di interrompere i rapporti col direttore (peraltro già sfiduciato)

Comunicato sindacale del 22 ottobre. La redazione dei giornalisti del Sole 24 Ore, riunita in assemblea, ha deciso la proclamazione dello stato di agitazione a tempo indeterminato, affidando al comitato di redazione un pacchetto di 5 giorni di sciopero.Di fronte al precisarsi delle fattispecie di reato, falso in bilancio, nell’indagine avviata dalla procura di Milano sui conti della società, i giornalisti, anche nella loro veste di azionisti, hanno deciso di esplorare tutte le possibilità offerte anche dalla recentissima normativa per una partecipazione informata agli sviluppi del procedimento penale. Dopo un voto di sfiducia a larghissima maggioranza, l’assemblea ha deciso l’interruzione dei rapporti con il direttore, fatto salvo quanto prescritto dal contratto collettivo nazionale di lavoro.

Alla cronaca desolante delle ultime settimane, che ha visto una semestrale drammatica essere accompagnata dalla decadenza del cda, con dinamiche ancora in larga parte oscure, e da inchieste sia amministrative sia giudiziarie, si aggiunge ora l’incertezza sulla figura dell’amministratore delegato. L’attuale ad Gabriele Del Torchio, autore di un piano industriale del quale il consiglio di amministrazione ha approvato solo le linee guida, non è stato inserito nella lista dell’azionista di maggioranza per il prossimo consiglio. Successivamente ne è stata adombrata una possibile cooptazione. Questa incertezza aggiunge sconcerto alla preoccupazione di tutta una redazione chiamata ogni giorno a lavorare in condizioni sempre più difficili, con tensioni sempre più forti, garantendo un giornale all’altezza di una tradizione di credibilità e autorevolezza.
La redazione, che metterà in atto tutto quanto possibile in tutte le forme praticabili a tutela di un patrimonio che non è tanto suo quanto dei lettori, ritiene necessario un chiarimento immediato con l’azionista di maggioranza, al quale sollecita una piena assunzione di responsabilità, per avere visibilità sulla guida della società, sulle risorse messe a disposizione per sostenere le prospettive di rilancio.
Il Cdr