Protagonisti del mese

27 ottobre 2016 | 14:35

Tempo al Tempo

Giampaolo Angelucci, figlio del patron di Tosinvest, Antonio, 25 cliniche e consolidate presenze anche nel mondo della carta stampata con ‘Libero’, il ‘Corriere dell’Umbria’, e da settembre anche ‘Il Tempo’, a 12 anni dall’ultima intervista a ‘Prima’ ritorna a parlare di editoria, del suo rapporto con il direttore di ‘Libero’ Vittorio Feltri e dichiara il suo appoggio alle riforma costituzionali del governo Renzi: “Voterò sicuramente sì”, afferma. “Io parlo per me. Gli altri non lo so”, dice a ‘Prima’ Angelucci, aggiungendo: “Io voterò sì perché sono 40 anni che sento parlare della necessità di una riforma e questa è la prima volta che mi si dà la possibilità di votarne una, anche se non è perfetta. Però è almeno un inizio. Bloccarla sarebbe un errore. Così si va avanti, così si comincia a cambiare”.

Giampaolo Angelucci

Riguardo, invece, alle posizioni di Feltri sul referendum del 4 dicembre, Angelucci dichiara: “Feltri giocherà questa partita come gli pare. Feltri è Feltri, un uomo libero, libero, libero fino in fondo. Quante volte devo ripeterlo?”
Inoltre, per il rilancio del ‘Tempo’ l’editore, tra l’altro, spiega: “Roma è una città che ormai supera i tre milioni di abitanti e ha bisogno di un giornale che sappia interconnettersi con tutti coloro – e sono davvero tanti – che hanno ogni giorno problemi di trasporti, sicurezza, sanità, con i rifiuti che ingombrano le strade, con gli asili nido che non ci sono e poi con grandi periferie dove, per mancanza di servizi, si lotta ogni giorno per la sopravvivenza.

L’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 476 – Ottobre 2016

Abbonati al mensile ‘Prima’ edizione cartacea (+ Uomini Comunicazione), alla versione digitale per tablet e smartphone o a quella combinata carta-digitale: Prima + Uomini + edizione per tablet e smartphone