28 ottobre 2016 | 13:24

Impegnato in una corrispondenza per Repubblica Tv, invece di aiutare la Rai. L’Usigrai critica il consulente Francesco Merlo: il contratto da 200mila euro non prevede l’esclusiva?

“È davvero assurdo e paradossale”. Inizia così la breve nota con cui l’Usigrai critica la gestione in Rai del terremoto. Ma questa volta a suscitare la polemica non è stato il ritardo nella messa in onda delle immagini in diretta dai luoghi colpiti dal sisma, quanto piuttosto il fatto che Francesco Merlo, scelto come consulente della nuova struttura creata da Carlo Verdelli per gestire l’informazione nel servizio pubblico, sia stato protagonista di un contributo audio caricato su Repubblica Tv.

“La Direzione editoriale per l’informazione era nata per coordinare il lavoro delle testate e delle regi Rai, in particolare nelle fasi di emergenza e grandi eventi”, scrive il sindacato. “Nell’immediatezza dei terremoti, il consulente della Direzione invece di aiutare la macchina Rai a dare il proprio meglio, ha trovato il tempo di fornire una corrispondenza dai luoghi del terremoto per Repubblica tv”. “I vertici Rai hanno qualcosa da dire su questo?”.

“Ma soprattutto”,concludono, “il contratto da 200mila euro, dunque, non prevede l’esclusiva? Se è così, di chi è la responsabilità?”