New media, Pubblicità

08 novembre 2016 | 17:22

Nove utenti internet su dieci farebbero anche a meno di Facebook, ma non dell’email e di Whatsapp. E in Italia ci sono più caselle di posta elettronica che abitanti (INFOGRAFICHE)

Nove italiani su dieci farebbero anche a meno di Facebook, ma non dell’email e di Whatsapp. Solo il 10,4% degli utenti regolari di internet, infatti, salvarebbe il social network di Mark Zuckerberg se improvvisamente dovesse scegliere solo uno tra quattro servizi destinati a chiudere per sempre, che sono: email, Whatsapp, Facebook e Skype. Il 42,6% degli italiani salverebbe l’email, il 40% Whatasapp e il 2,6% Skype. E’ ciò che rivela una ricerca sull’email marketing condotta dall’azienda Magnews, specializzata proprio in email marketing solution, su un campione di 1.038 maggiorenni che si connettono alla rete con regolarità, almeno una volta alla settimana.

A dimostrazione che l’email in Italia riveste ancora un ruolo centrale tra gli utenti del web, anche nell’epoca dei social network e della messaggistica istantanea, Magnews ricorda il dato delle 71 milioni di indirizzi email, più della popolazione.

Il 46,7% degli italiani consulta la posta mentre è al computer per svago, il 35,3% quando usa il pc per lavoro, il 30,1% lo fa in tempo reale e il 26,1% sul divano.

Sono quasi un miliardo i messaggi di posta elettronica che gli italiani ricevono ogni giorno, poco meno di 30 per ogni utente. Sette i messaggi di posta elettronica connessi a iniziative di marketing diretto (Dem) ricevute dagli utenti maschili, almeno otto quelle ricevute dalle donne (8,4), per una media di 7,7 Dem ricevute.

Il 55% degli utenti internet, secondo Magnews, utilizza Gmail; al secondo posto c’è l’email aziendale (37,2%), seguita da Hotmail, Msn o Live (31,8%) e Libero (31,4%).