10 novembre 2016 | 9:11

Il direttore di ‘Repubblica’, Mario Calabresi, sulla vittoria di Trump: ci resta da riflettere sul vizio dei giornali dì confondere gli auspici con la realtà

Il mondo è cambiato di Mario Calabresi - Repubblica, 10/11/2016 - Il mondo è cambiato” titolavamo otto anni fa, quando BarackObama conquistò la maggioranza degli americani con il suo messaggio di speranza e cambiamento.

Il primo nero alla Casa Bianca e una mano aperta verso il resto del Pianeta. Quella promessa è stata realizzata solo in parte, mentre il terrorismo e nuovi nazionalismi hanno continuato a prosperare, mentre la frustrazione di chi non riesce più a immaginare il futuro ha trasformato la speranza di cambiamento in rabbia e volontà di rottura. “Il mondo è cambiato” nuovamente ieri mattina, in modo ancora più radicale e sconvolgente. Siamo dì fronte all’elezione dì un uomo che aveva contro tutto, dalla biografia improbabile perché costellata di scandali e fallimenti all’inesperienza conclamata, ma che è riuscito a incarnare nella sua persona il gesto liberatorio, ritenuto capace di rovesciare il tavolo della vecchia politica e dello status quo. Sulla scena – ci racconta Ezio Mauro interrogandosi sullo stato di salute della democrazia – è apparso un pifferaio capace dì chiamare a raccolta gli uomini e le donne dimenticati d’America suonando la campana del riscatto. Se ciò è accaduto, ragiona Alessandro Baricco nell’ultima pagina dì questo quartino che avvolge il giornale, è perché siamo di fronte a una mutazione antropologica che ha portato all’eliminazione delle mediazioni nei più diversi campi della nostra vita, con la conseguenza di vedere le élite culturali come qualcosa di inutile da rifiutare. Abbiamo sottovalutato la ferita di chi vede tradito il patto tra generazioni, di chi somma la paura degli stranieri all’ansia per la globalizzazione, al rifiuto della società multietnica. La nausea per il politicamente corretto o la rivendicazione che l’uomo bianco tornasse a sedersi a capotavola hanno fatto il resto. Ci resta da riflettere, come fa la scrittrice Elizabeth Strout, sul vizio dei giornali dì confondere gli auspici con la realtà, ma ora ci tocca provare a capire quale sarà il mondo che ci aspetta.