Manager, Mercato

24 novembre 2016 | 13:07

Nasce Influse per monitorare i comportamenti di chi anticipa le novità. Il gm Gianmaria Padovani: vi insegnamo come governare queste dinamiche

Nasce Influse, player italiano della comunicazione e consulenza in ambito marketing che agisce esclusivamente sull’audience degli anticipatori dei consumi, i cosiddetti ‘influser’. Un target numericamente esiguo, spiega una nota, che rappresenta infatti il 5,5% dei consumatori, ma che è particolarmente incline a recepire e diffondere le novità in termini di brand, prodotto e servizi.

Gianmaria Padovani

La mission della newco milanese guidata dal general manager Gianmaria Padovani è monitorare, studiare e comprendere questa platea di anticipatori dei consumi per pianificare azioni di comunicazione che sfruttino il loro naturale processo di guida degli altri.

La prima linea di business di Influse è lo sviluppo di un modello sperimentato negli ultimi anni con il nome di Unotre.net da Cubica, la società che oggi controlla Influse, e impiegato già da realtà come Absolut, adidas, Axa, British American Tobacco, Edison Energia, Nike, Mini, Microsoft e Vertu.

Influse, che mira a un fatturato da un milione di euro entro il 2018, offre, tra i nuovi servizi, la consulenza di prodotto, corsi di formazione per marketers, produzione e vendita di ricerche di mercato, consulenza editoriale. Ai publisher, inoltre, vengono offerti servizi e consulenze in grado di valorizzarne le specificità editoriali e potenziarne l’appeal con lo sviluppo delle piattaforme editoriali e servizi marketing su audience Influser.

“Esiste un’alchimia tra il successo di brand e prodotti e una particolare attitudine dei primi gruppi di persone che li hanno notati”, Padovani, 45 anni, di cui 15 al settimanale Panorama e che più recentemente ha lavorato alla direzione Comunicazione di Expo Milano 2015. “Noi sappiamo entrare in queste dinamiche, le osserviamo nei contesti dove avvengono. E oggi possiamo offrire ai clienti più evoluti l’opportunità di controllarle”.