29 novembre 2016 | 12:08

Cambio alla direzione per due settimanali della Conti Editore: Autosprint e Motosprint affidati a Andrea Cordovani ed Enrico Borghi

Cambio alla guida di Autosprint e Motosprint. A partire dalla metà di novembre i due settimanali della Conti Editore sono diretti rispettivamente da Andrea Cordovani e Enrico Borghi. 

Andrea Cordovani, maremmano di Follonica, classe 1967, ha iniziato la sua carriera giornalistica nel quotidiano ‘Il Tirreno’. Dal 1997, dopo un breve periodo a Tuttorally, è approdato alla Conti Editore. Ad ‘Autosprint’ – dove prende il posto di Alberto Sabbatini – ha ricoperto diversi ruoli, da caposervizio a vicecaporedattore, da caporedattore a vicedirettore, qualifica con la quale dal marzo 2016 ha cominciato a occuparsi della gestione del lavoro e dei contenuti giornalistici. Cordovani sta lavorando per una nuova versione del giornale, al passo con i tempi, con lo scopo di coinvolgere sempre di più i giovani appassionati di motosport su tutti i livelli, dalla Formula 1 alla Formula E, passando per i rally. “Adesso inizia la sfida più grande con l’obiettivo di raccontare il motorsport da un punto di vista mai banale”, spiega. “Un giornale che deve stare al passo con i tempi, sempre più di lettura, analisi, approfondimento e con tante storie da raccontare di un mondo dove ci sono ancora passioni autentiche e in piena sinergia con un sito internet che ogni giorno tiene accesi i riflettori sull’attualità”.

Nella foto, dall’alto: Andrea Cordovani e Enrico Borghi

Per Motosprint la nomina di Enrico Borghi – al posto di Stefano Saragoni, è coincisa anche con l’anniversario dei 40 anni della testata. Modenese, classe 1964, ha vissuto la sua carriera giornalistica tutta all’interno della Conti Editore, in particolare all’interno di ‘Motosprint’, dove è entrato nel 1991 come collaboratore. Giornalista professionista dal 1994, nel 1995 ha iniziato a svolgere l’attività di inviato, nel campionato mondiale di Motocross e nel Supercross negli Stati Uniti per poi passare nel 2002 a seguire il campionato mondiale MotoGP.