Mercato

02 dicembre 2016 | 13:38

Dal 4 dicembre in onda su Tv2000 ‘Una biblioteca, un libro’, programma in 7 puntate per raccontare le biblioteche storiche italiane

‘Una biblioteca, un libro’ è il titolo della serie televisiva dedicata alle biblioteche storiche italiane e ai loro preziosi libri presentata il 29 novembre dal Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini e dal direttore di TV2000 Paolo Ruffini. Il programma, in onda la domenica alle 13.45 a partire dal 4 dicembre, propone un viaggio in sette puntate all’interno di altrettante biblioteche storiche italiane: quella dell’Abbazia di Montecassino, la Nazionale Centrale e l’Angelica di Roma, la Riccardiana di Firenze, la Malatestiana di Cesena, la Badia di Cava (Sa) e quella del Centro sperimentale di cinematografia.
Affidata ad autorevoli uomini di cultura, filosofi e storici, l’illustrazione, tra i quali Valerio Magrelli, Remo Bodei, Gennaro Sasso, Franco Cardini, Mario Isnenghi, Carlo Cecchi, Giancarlo Giannini, Gian Luigi Rondi e Caterina d’Amico.

“Un’iniziativa importante per far conoscere al pubblico lo splendore delle nostre biblioteche, in particolare di quelle storiche”, ha definito il programma il ministro Franceschini, mentre Ruffini ha parlato di un progetto con il quale “smontare la falsa convinzione che i libri siano delle nicchie e che le biblioteche siano relitti di un altro mondo”. “È un modo per conservare la memoria storica di quel che siamo, senza la quale avremmo una crisi d’identità spacciata per orgoglio di appartenenza a un futuro che anziché costruire rischiamo di disfare”, ha aggiunto. “La televisione che stiamo cercando di fare vorrebbe contraddistinguersi proprio in questo: creare un ponte fra generazioni, fra padri e nonni, figlie e nipoti, che crei prossimità con le persone, non con la massa anonima”.

Alla presentazione sono intervenuti anche il Direttore Generale Biblioteche e Istituti Culturali Rossana Rummo, l’autrice e regista della serie Maria Teresa de Vito, i filosofi Remo Bodei e Gennaro Sasso, e Caterina d’Amico, preside della Scuola Nazionale di Cinema.

Il progetto è promosso dalla Direzione Generale Biblioteche e Istituti culturali del Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo e gode del Patrocinio del Ministro. Prodotta dalla Meti Pictures, la serie di documentari è stata realizzata anche grazie al sostegno dell’Associazione Italiana Editori, della Fuis, dell’Anica, del Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo della Regione Lazio e del Comitato Nazionale per la valorizzazione della Badia di Cava.