“Non è un buon momento”. National Amusement ferma le trattative per la fusione tra Viacom e Cbs

National Amusements, la holding della famiglia Redstone che controlla Viacom et Cbs, rinuncia alla fusione tra le due società. La decisione, secondo quanto riportano i media americani, è stata comunicata con una lettera ai cda dei due gruppi. Lo scorso 29 settembre era stata la stessa National Amusements a suggerire a Viacom e Cbs di studiare la fusione. La mossa avrebbe consentito a Shari Redstone, la figlia di Sumner Redstone, il magnate 92enne che detiene l’80% di Cbs e Viacom, di avere il controllo del gruppo dopo una dura lotta di potere.

Shari Redstone

“Abbiamo concluso che attualmente non è un buon momento per la fusione”, si legge nella nota. Dopo l’annuncio forte contraccolpo per i titoli di Viacom e Cbs, scesi rispettivamente a -6,76% e -2,91% a Wall Street.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: Laganà, Usigrai, Fnsi e Odg preoccupati per le parole di Di Maio: a rischio posti di lavoro; volontà di colpire il pluralismo

Open presenta la squadra di redattori: fotoreporter, videomaker, esperti di contenuti verticali e di esteri

Rai, arriva l’infornata di vice direttori dei tg. Presentati anche i piani editoriali