Carlo Conti vince il Premio Santa Chiara 2016

Il Premio Santa Chiara edizione 2016 è stato assegnato al presentatore Rai Carlo Conti. Lo comunica una nota diffusa dal presidente dell’Associazione Nazionale della Comunicazione Marco Palmisano.

Carlo Conti

Nelle motivazioni del Premio si legge che “Carlo Conti, con il suo stile sobrio ed elegante, ha saputo regalare centinaia di ore di intrattenimento e di spettacolo a milioni di famiglie italiane, dimostrando che si può essere personaggi di successo senza mai montarsi la testa, pur conducendo programmi sempre all’altezza del gusto, degli ascolti e della qualità”.

Il presidente Marco Palmisano ha reso noto che l’attribuzione del Premio Santa Chiara si basa sui voti espressi dalla giuria popolare del Servizio Opinioni Telespettatori (www.sotel.tv) che ha decretato i seguenti punteggi:

1) Vincitore Carlo Conti con voti 13.720
2) Gerry Scotti con voti 9.604
3) Paolo Bonolis con voti 8.918
4) Maria De Filippi con voti 6223
5) Alberto Angela 5.733
6) Cristina Parodi 5.150
7) Bruno Vespa 5.096

Le precedenti edizioni del Premio Santa Chiara erano state attribuite tra gli altri a Mike Bongiorno, Paolo Mieli, Gerry Scotti, Antonio Ricci.

La consegna del Premio Santa Chiara, rappresentato dalla preziosa icona della Santa patrona della televisione, appositamente realizzata in legno massello dalle suore Clarisse di Assisi, si svolgerà durante la Cena di Gala del prossimo 20 dicembre, che si terrà presso NH Hotel di Milano2 con il premiato Carlo Conti intervistato da Lella Confalonieri vice direttore NewsMediaset.

Marco Palmisano e Antonio Ricci

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Style Magazine dedica un numero speciale a Milano. In copertina il sindaco Sala

Style Magazine dedica un numero speciale a Milano. In copertina il sindaco Sala

Paperlit trasforma in app le cento riviste di Tecniche Nuove

Paperlit trasforma in app le cento riviste di Tecniche Nuove

Le foto mai viste del Ventennio. Dopo 75 anni l’Archivio Vitullo digitalizzato da Agi è di nuovo visibile

Le foto mai viste del Ventennio. Dopo 75 anni l’Archivio Vitullo digitalizzato da Agi è di nuovo visibile