L’Irlanda ricorre contro la decisione Ue di richiedere ad Apple 13 miliardi di tasse non pagate. Dublino: interferenza nella sovranità nazionale

Il governo irlandese annuncia il suo ricorso contro la decisione della Commissione europea che ha chiesto alla Apple la restituzione di 13 miliardi di euro in imposte non versate al fisco di Dublino. In un comunicato del ministero del Tesoro irlandese, spiega Ansa, si afferma che si tratta di una interferenza nella sovranità nazionale e che Bruxelles avrebbe avuto una comprensione errata di come funziona la tassazione delle multinazionali.

Nella foto, in alto il commissario Antitrust Ue, Margrethe Vestager; sotto, a sinistra il ceo di Apple, Tim Cook; a destra: il ministro delle finanze irlandese, Michael Noonan

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editoria, Crimi: finanziamenti a 150/200 testate su 18mila. Falso dire che senza contributi diretti non c’è pluralismo

Fnsi e Odg alzano la voce ma chiudono al dialogo col governo: non trattiamo con chi insulta i giornalisti e aumenta il precariato

Rugby, Guinness main sponsor del Sei Nazioni