30 dicembre 2016 | 12:32

Tv sempre meno seguita dai più giovani. Il bilancio Auditel del 2016: in crescita Sky, La7 e Discovery. La Rai resta primo editore, ma in autunno Canale5 sorpassa Rai1

Rispetto al 2015, negli ultimi dodici mesi il consumo televisivo è sceso del 15,6% tra i 15-19enni e del 9,7% tra i 25-34enni. E’ forse questo il dato più preoccupante che emerge dall’analisi sui dati Auditel, rielaborati dallo Studio Frasi, proposta ieri sulle pagine del ‘Sole 24 Ore’. Numeri che testimoniano la disaffezione dei più giovani rispetto alla tv, che resta comunque centrale nella dieta mediatica italiana.

Diversi gli spunti che si possono cogliere guardando in generale i dati, senza dimenticare che nel corso del 2016 la tv italiana si è per la prima volta dovuta confrontare con l’offerta on demand di Netflix. Sky, Discovery e La7 hanno registrato miglioramenti su tutti i fronti. Nel caso della rete di Urbano Cairo particolarmente significativo l’incremento sul piano dell’informazione, dove ha beneficiato anche di alcuni passi falsi Rai, come con il flop di ‘Politics’.

Nella foto, da destra: Andre Zappia (Sky Itali), Pier Silvio Berlusconi (Mediaset), Antonio Campo Dall’Orto (Rai), Marinella Soldi (Discovery), Urbano Cairo (La7)

La Rai si conferma primo editore nel giorno medio (36,83%) e nel prime time (38,72%). Rai1 resta la rete più vista, ma negli ultimi mesi è stata scalzata da Canale5 che “grazie a un autunno molto positivo ha visto aumentare, nell’anno, lo share nel giorno medio (+0,15), pagando invece nel prime time (-1,05) una prima parte di stagione opaca”. Meno positiva la situazione per le altre reti Mediaset con Italia1 e Rete4 che “hanno perso sia nel giorno medio (rispettivamente -0,45 e -0,47) sia nel prime time (-0,6 e -0,55 punti)”. “Anche come singolo editore Mediaset nel corso dell’anno, pur con quasi un terzo di share totale (31,73% nel giorno medio e 31,75% nel prime time) ha perso sia nel giorno medio (-0,61 ) ma soprattutto nel prime time (-2,26 punti e -784mila spettatori)”.

Tornando invece agli altri editori, nel giorno medio Discovery, grazia al canale free Nove, guadagna la terza posizione (6,68% di share; +0,45 punti), seguita da Sky (6,41%; +1,28) che ha beneficiato del boom di Tv8, seconda rete segmentata dopo Real Time nel giorno medio e Iris in prime time. In prima serata Sky (7,32%; +1,44) precede invece Discovery (5,22%; +0,57). A seguire La7 in crescita sia nel giorno medio (3,71%; +0,13), sia nel prime time (4,51%; +0,15 punti).