Wind Tre investirà 7 miliardi in infrastrutture digitali. Il ceo Maximo Ibarra: per noi comincia una grande sfida di mercato

“Comincia una grande sfida di mercato, un’importante fase di sviluppo per l’economia digitale nel nostro Paese. Vogliamo essere leader nella relazione con i clienti grazie alla qualità delle nostre infrastrutture, alla trasparenza delle nostre offerte e alla passione delle nostre persone”. Così il ceo di Wind Tre, Maximo Ibarra, commenta, nel primo giorno lavorativo utile, la fusione tra Wind e Tre, operativa dallo scorso 31 dicembre.

Maximo Ibarra

Maximo Ibarra, ceo di Wind Tre

Wind Tre realizzerà importanti efficienze e investirà, nei prossimi anni, 7 miliardi di euro in infrastrutture digitali, spiega una nota. Tra gli obiettivi supportati dalla nuova capacità finanziaria e industriale anche nuovi servizi, maggiore velocità di rete per rispondere alla crescente domanda di connettività e aspettative di consumo di famiglie ed imprese.

L’azienda – prosegue la nota – ha l’obiettivo di diventare un player di riferimento nell’integrazione fisso-mobile e nello sviluppo delle reti in fibra di nuova generazione grazie anche all’accordo con Enel Open Fiber per la realizzazione della rete in banda ultralarga in Italia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Facebook, nel 2017 raddoppiata la spesa per lobbying in Ue. Da 1,2 a 2,5 milioni di euro

Nbc entra nel consorzio OpenAp dove raggiunge Fox, Turner e Viacom

Formiche, Roberto Arditti nel Cda e direttore editoriale. Cresce l’ebitda di Base Per Altezza