“Spalletti rispetti giornalisti”. Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti contro il tecnico giallorosso: anche ieri accuse fuori luogo. Intervenga l’associazione allenatori

“L’Associazione allenatori richiami il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, al rispetto delle regole che salvaguardano il corretto rapporto con i giornalisti”. A chiederlo in una nota, il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, riprendendo le dichiarazioni rilasciate ieri dall’allenatore nella sala stampa dello stadio di Genova, che, scrive l’ordine, “suonano come pretestuose, gratuite e totalmente fuori luogo nei confronti dei colleghi della stampa romana che quotidianamente seguono le vicende della squadra giallorossa, avendo come unico obiettivo una informazione corretta e puntuale”.

Luciano Spalletti

Ieri a Marassi, ricorda Ansa, Spalletti aveva usato un tono ironico rivolgendosi ai giornalisti romani: “Non c’è nessuno di quelli che tutti i giorni buttano tutto all’aria? Dove sono, ma come mai? Gli è andata male oggi…”.

“Ancora una volta Spalletti ha dimostrato l’incapacità di sostenere con i giornalisti un confronto civile e dialettico”, ha scritto il Cnog, che in passato è già intervenuto su Luciano Spalletti stigmatizzandone gli atteggiamenti polemici nei confronti dei giornalisti. “Ci auguriamo che questa sia l’ultima occasione in cui il Consiglio dell’Ordine è costretto a prender posizione per tutelare il sacrosanto diritto dei giornalisti di fare il loro mestiere, senza essere accusati di parzialità o, peggio ancora, di destabilizzare l’ambiente”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale