10 gennaio 2017 | 10:54

Nessun progetto di fusione tra Tim Brasil e Oi. Telecom Italia risponde alle dichiarazioni di Naguib Sawiris che, dopo il risanamento dell’operatore brasiliano, punterebbe all’unione con la telco italiana

“Non c’è nessuna intenzione di fondere Tim Brasil con Oi e le notizie a riguardo sono prive di fondamento”. E’ quanto si apprende da fonti di Telecom Italia, citate dalle agenzie, all’indomani delle dichiarazioni rilasciate dal magnate egiziano Naguib Sawiris al quotidiano ‘Folha di Sao Paulo’.

Secondo quanto riferito dai giornali, nelle intenzioni di Sawiris ci sarebbe quella di risanare l’operatore telefonico Oi – attualmente in amministrazione controllata con un debito che ammonta a circa 6,2 miliardi di dollari con il Banco do Brasil, Caixa, Bndes (banca pubblica legata al ministero dell’industria) e Anatel, l’Authority locale delle tlc, per poi fonderlo con Tim Brasil, controllata da Telecom Italia.