Nessun progetto di fusione tra Tim Brasil e Oi. Telecom Italia risponde alle dichiarazioni di Naguib Sawiris che, dopo il risanamento dell’operatore brasiliano, punterebbe all’unione con la telco italiana

“Non c’è nessuna intenzione di fondere Tim Brasil con Oi e le notizie a riguardo sono prive di fondamento”. E’ quanto si apprende da fonti di Telecom Italia, citate dalle agenzie, all’indomani delle dichiarazioni rilasciate dal magnate egiziano Naguib Sawiris al quotidiano ‘Folha di Sao Paulo’.

Secondo quanto riferito dai giornali, nelle intenzioni di Sawiris ci sarebbe quella di risanare l’operatore telefonico Oi – attualmente in amministrazione controllata con un debito che ammonta a circa 6,2 miliardi di dollari con il Banco do Brasil, Caixa, Bndes (banca pubblica legata al ministero dell’industria) e Anatel, l’Authority locale delle tlc, per poi fonderlo con Tim Brasil, controllata da Telecom Italia.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Usigrai denucia: tutto fermo per un “mortificante totonomine”, serve scatto di orgoglio di ad e CdA

Fisi, presentati a Milano i tre Mondiali di Fassa 2019, Anterselva 2020 e Cortina 2021. Roda rilancia: portiamo le Olimpiadi in Italia

NOVITA’: La classifica internazionale dei brand automobilistici più attivi sui social e dei post più condivisi a settembre