Nessun progetto di fusione tra Tim Brasil e Oi. Telecom Italia risponde alle dichiarazioni di Naguib Sawiris che, dopo il risanamento dell’operatore brasiliano, punterebbe all’unione con la telco italiana

“Non c’è nessuna intenzione di fondere Tim Brasil con Oi e le notizie a riguardo sono prive di fondamento”. E’ quanto si apprende da fonti di Telecom Italia, citate dalle agenzie, all’indomani delle dichiarazioni rilasciate dal magnate egiziano Naguib Sawiris al quotidiano ‘Folha di Sao Paulo’.

Secondo quanto riferito dai giornali, nelle intenzioni di Sawiris ci sarebbe quella di risanare l’operatore telefonico Oi – attualmente in amministrazione controllata con un debito che ammonta a circa 6,2 miliardi di dollari con il Banco do Brasil, Caixa, Bndes (banca pubblica legata al ministero dell’industria) e Anatel, l’Authority locale delle tlc, per poi fonderlo con Tim Brasil, controllata da Telecom Italia.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Milan: Paolo Scaroni nominato presidente. Sarà anche amministratore delegato ad interim

Rai, lunedì la ratifica del nuovo Cda. A seguire ad e presidente designati dal Consiglio dei ministri

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram