Wolfgang Blau dal prossimo agosto sarà il nuovo presidente di Condé Nast International. Subentrerà a Nicholas Coleridge

Novità in arrivo per Conde Nast International. Wolfgang Blau, attualmente chief digital officer del gruppo, a partire dal 1° agosto sarà il nuovo presidente, prendendo il posto del dimissionario Nicholas Coleridge.

Blau si è unito all’organizzazione nel dicembre 2015, provenendo dal gruppo di The Guardian, dove ha ricoperto il ruolo di direttore esecutivo della strategia digitale con responsabilità editoriale per lo sviluppo e il lancio dei nuovi siti di The Guardian, vincitori di vari riconoscimenti, in USA, Regno Unito e Australia. In precedenza ha lavorato come editor in chief di Zeit Online in Germania, dove è stato nominato direttore dell’anno per il suo lavoro nel trasformare Zeit Online nel portale tedesco più quotato a livello nazionale per il giornalismo di attualità, culturale, politico e inerente il lifestyle. Negli anni precedenti ha lavorato come giornalista nella Silicon Valley e a Washington D.C., e in quel periodo ha anche avviato il lancio di un’impresa nel settore dei media, in seguito acquisita da Amazon.

Wolfgang Blau

Nel suo primo anno in Condé Nast International, Blau si è concentrato sul futuro digitale delle testate e non solo, con la costruzione di un apparato digitale centrale e l’avvio della costruzione di un hub editoriale per Vogue, compiendo quelli che il gruppo, in una nota, definisce i primi passi per la “completa trasformazione e reinvenzione del business, a partire dagli stessi prodotti editoriali e dal modo in cui essi vengono distribuiti, fino al rapporto tra l’azienda e i suoi utenti e i suoi partner commerciali in tutti i mercati in cui opera”.

Da presidente, Wolfgang continuerà a guidare la trasformazione digitale, ricoprendo al tempo stesso un ruolo di leadership in ogni area dell’organizzazione, incluso il business delle nostre pubblicazioni periodiche.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Malagò contro il Governo: questa non è una riforma, ma un’occupazione del Coni. Replica da Giorgetti: autonomia dello sport non in discussione

Radio digitale, Salini: di serie sulle auto nuove. Sergio: aumenta la fame di contenuti, Rai tira la volata all’intrattenimento in auto

Vivendi acquista la casa editrice Editis per 900 milioni. De Puyfontaine: in Tim situazione grave