25 gennaio 2017 | 11:36

Di Battista istiga a delinquere, dice la Fnsi commentando il video in cui il deputato grillino attacca i giornalisti davanti a un gruppo di ambulanti. La libertà di espressione è un pilastro insostituibile della democrazia

“La crociata del Movimento 5 Stelle contro la libertà di stampa e i giornalisti sfiora ormai l’istigazione a delinquere”. Inizia così la nota con cui i vertici Fnsi hanno commentato il video in cui, un gruppo di ambulanti, assistendo a un intervento davanti a Montecitorio del deputato grillino Alessandro Di Battista, si è scagliato contro i giornalisti definendoli “servi”, “maledetti”, “bastardi”, arrivando anche ad urlare “li ammazziamo”.

“Hai le telecamere addosso, se sbagli un congiuntivo diventa notizia nazionale”, aveva detto ancora il grillino, sottolineando come molti reporter siano solo impegnati “a captare e cogliere l’errore, vivisezionare un discorso per delegittimare l’unica forza politica che non si è mai spartita nulla qua dentro”.

“Il video”, hanno scritto ancora il segretario generale Lorusso e il presidente Giulietti, “va oltre qualsiasi forma di libera manifestazione del pensiero e rispolvera un inaccettabile e pericoloso squadrismo verbale”.

“L’onorevole Di Battista e coloro che la pensano come lui si mettano l’anima in pace: la libertà di espressione è un pilastro insostituibile della democrazia e”, concludono, ” non sarà l’allergia di Beppe Grillo e dei suoi seguaci a qualsiasi forma di pensiero critico a impedire ai giornalisti italiani di fare il loro dovere di informare i cittadini”.

Guarda il video: