25 gennaio 2017 | 17:38

Franceschini a Londra incontra i rappresentanti delle principali case editrici. Boom di traduzioni e vendite in Uk. Il Ministro: emerse proposte da cui attendiamo sviluppi

La letteratura italiana riscuote un successo sempre maggiore in Gran Bretagna. Le traduzioni e le vendite, trainate dalla popolarità raggiunta in Regno Unito da Elena Ferrante, hanno infatti registrato negli ultimi anni un incremento notevole, perfino straordinario, se letto in rapporto allo scarso numero di autori stranieri che vengono tradotti in inglese.

Dario Franceschini (foto Olycom)

In questo clima di crescita e ottimismo, scrive una nota del dicastero, il Ministro dei beni e delle attività culturali Dario Franceschini ha incontrato questa mattina, presso l’Ambasciata Italiana a Londra, le principali case editrici attive sul mercato inglese. La delegazione, ricevuta dal Ministro alla presenza dell’Ambasciatore Pasquale Terracciano e del Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Marco Delogu, era composta dai rappresentanti delle case editrici Hodder & Stoughton, Simon & Schuster, Europa Editions, MacLehose Press, Pan McMillan, Twins Editions, Profile Books, delle agenzie letterarie Andrew Nurnberg Associates, Coleridge & White, MacLehose, Servadio & Pupo-Thompson Literary Scout e di importanti associazioni, organizzazioni e agenzie di comunicazione legate a iniziative ed eventi di promozione letteraria, quali English Pen, Four Colman Getty Communications e Children’s Bookshow.

L’incontro è stato un proficuo momento di riflessione sulle possibili misure che il Governo può adottare per incentivare la letteratura italiana nei paesi anglosassoni, anche prendendo spunto da iniziative già sperimentate in Italia in altri ambiti culturali, ad esempio il cinema, dove il sostegno alle coproduzioni internazionali, finalizzato a rilanciare il cinema italiano nel mondo, è già una realtà.

Esprime soddisfazione per l’incontro il Ministro Franceschini: “vogliamo che questo sia solo l’inizio di un percorso che porti il sistema paese a costruire un vero e proprio progetto per sostenere la letteratura italiana nei paesi anglosassoni”. “Da questo incontro” prosegue il Ministro “sono emerse, oggi, molte proposte, da cui ci attendiamo importanti sviluppi”.