Un accordo con Vivendi? Vedremo, dice il presidente di Mediaset Confalonieri, smentendo le ipotesi sulla creazione di una holding in cui far confluire le quote di Fininvest

“Non lo so, vedremo. Anche se lo sapessi non ve lo direi”. Il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, arrivando a un incontro a Milano organizzato da ‘Il Foglio’ sulla televisione nell’età della post-verità, ha risposto così a chi gli chiedeva se si arriverà a un accordo con Vivendi oppure se sarà necessario ricorrere alle vie legali nell’ambito della ‘guerra finanziaria’ che oppone il Biscione al gruppo francese.

Fedele Confalonieri (foto Olycom)

“Speriamo non ci sia solo questa, speriamo che ce ne siano anche altre”, ha detto ancora Confalonieri sulla possibilità che per il gruppo televisivo italiano ci siano altre strade nel futuro oltre a Vivendi. Confalonieri, inoltre, ha ribadito la smentita a un’indiscrezione riportata dalla stampa nei giorni scorsi, sulla creazione di una holding in cui far confluire le partecipazioni di Fininvest in Mediaset e quelle che i francesi di Vivendi possiedono in Telecom Italia, con la partecipazione anche di Orange e Cdp. “L’abbiamo smentita l’altro giorno”, ha detto, aggiungendo poi un ironico “A proposito di post- verità…”.

“Servono regole uguali per tutti, anche e soprattutto per gli ‘Over the top’ che fanno gli editori e raccolgono pubblicità”, ha detto poi durante il dibattito. “Questi signori si devono prendere responsabilità”, ha concluso, “e dobbiamo dire no all’anonimato: una volta le lettere anonime le buttavamo nel cestino e chiamavamo corvi quelli che le mandavano”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai, lunedì la ratifica del nuovo Cda. A seguire ad e presidente designati dal Consiglio dei ministri

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram

Radio, i nuovi dati di ascolto Ter online il 24 luglio. Rilevato il primo semestre 2018