01 febbraio 2017 | 11:40

La Fnsi incontra il cdr SkyTg 24. Assente un piano industriale per l’avvio di un confronto, dicono Lorusso e Giulietti. Sostegno in una vertenza che rischia di trasformarsi in una deportazione

Il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, hanno incontrato il comitato di redazione di Sky Tg24 per approfondire la situazione dopo che l’azienda ha annunciato di voler procedere al trasferimento da Roma a Milano di gran parte della redazione. Fnsi e Cdr considerano inaccettabile il metodo scelto dall’azienda. Non soltanto, si legge in una nota diffusa dalla Federazione della Stampa nella serata del 31 gennaio, “perché tale decisione sarebbe accompagnata da esuberi anche fra i giornalisti, ma anche e soprattutto per l’assenza di un benché minimo piano industriale ed editoriale necessario all’avvio di qualsivoglia confronto”.

La sede di Sky

Per questo, pur non alimentando posizioni pregiudiziali, Fnsi e Cdr ”ritengono necessario mantenere lo stato di agitazione e si riservano di mettere in campo altre iniziative di lotta”.

La Fnsi ha ribadito la volontà di assistere il Cdr e la redazione in una vertenza ch “rischia di trasformarsi in una deportazione di massa di lavoratori, a prescindere da competenze, storie professionali e situazioni familiari e a discapito della qualità dell’informazione”.