Nino Rizzo Nervo vice segretario generale della Presidenza del consiglio

(Messaggero) Nei giorni scorsi Antonio Campo Dall’Orto e Nino Rizzo Nervo hanno parlato a lungo. In più occasioni. Colloqui che hanno fatto pensare a un possibile cambio al vertice della Rai. In quanto Rizzo Nervo è da sempre il fedelissimo di Gentiloni, alla cui squadra appartiene anche il deputato Anzaldi, il più irrequieto dei membri della Vigilanza. E Campo Dall’Orto è stato scelto dall’ex premier Renzi.

Ma non sempre gli indizi diventano un caso. Seppure alla fine si è capito perché i due parlavano così spesso. Dal primo febbraio Rizzo Nervo entra nella squadra della presidenza del consiglio con la nomina di vice segretario generale. Rizzo Nervo è un giornalista di lungo corso, nonché ex direttore di testata e consigliere nel cda di Viale Mazzini. Quindi un profondo conoscitore delle questioni inerenti alla Rai. Anche l’ex dg Gubitosi si affidò a lui per preparare la riforma delle newsroom dell’informazione che però è stata accantonata con il cambio della guardia al vertice della Tv di Stato.

Con il nuovo incarico, Rizzo Nervo sicuramente seguirà da vicino tutte le tematiche del servizio radiotelevisivo e dei media. E sembra certo che tra i suoi compiti ci sia pure quello di controllare l’operato dei vertici di Viale Mazzini. Sarà uno scudo per Campo Dall’Orto, un parafulmine oppure un commissario?

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva