06 febbraio 2017 | 18:21

Al via la nuova edizione del Festival di Sanremo con Carlo Conti e Maria De Filippi, che assicura: mai pensato di condurlo da sola. Prima videocopertina di Crozza. E sono 1.341 i giornalisti accreditati. C’è anche un settimanale cinese

“Maria è una donna veramente speciale, grazie per aver accettato e grazie a Mediaset che ha dato questa opportunità. Spero che tu non ti penta di essere venuta qui”. Così Carlo Conti a Maria De Filippi nel corso della conferenza stampa dell’organizzazione dall’Ariston alla vigilia del 67^ Festival di Sanremo. Sono presenti anche il direttore di Rai1 Andrea Fabiano, al suo debutto al Festival come direttore della rete ammiraglia (negli anni scorsi vi ha già lavorato sempre in forza a Rai1), e il sindaco della cittadina rivierasca, Alberto Biancheri. Conti ha aggiunto – riferito sempre alla De Filippi – “grazie di aver detto sì a questa mia proposta ‘indecente’”.

Maria De Filippi e Carlo Conti in conferenza stampa

“Non ho mai pensato di condurre Sanremo da sola in tutta la mia vita. Anzi, nei titoli di testa ho chiesto che sia scritto ‘conduce Carlo Conti con Maria De Filippi’”. Lo sottolinea la stessa conduttrice rispondendo alle domande dei cronisti in sala stampa aggiungendo che non è la “prova” per una eventuale conduzione futura. “Sono venuta a Sanremo perché quando ti viene chiesto, non hai un motivo vero per dire di no, perché Sanremo lo vedi da casa da piccola, e poi fai questo mestiere. E’ normale che chi fa il mio mestiere non dica no”.

“Come avere Federer e Serena Williams”, ha scherzato il direttore di Rai1 Andrea Fabiano, “quest’anno a Sanremo ci sono due fuoriclasse”.

“Non aspettatevi la scala”, ha aggiunto Maria De Filippi: “c’è un dibattito in corso, ma la scala fa paura, non so se la farò”. E sul pubblico: “non penso che esista un pubblico di Carlo e uno di Maria”, ha detto la conduttrice, “Sanremo non ha bisogno di Maria de Filippi, il pubblico che guarda Sanremo è più grande di quello che guarda i miei programmi”. Motivo per cui “il giorno dopo il festival non penso che mi sentirò responsabile degli ascolti, nel bene e nel male”.

“Quando Carlo ha detto che non avrei preso compenso è successo un macello, ma io non ho mai preso un compenso in Rai, mai”, ha concluso Maria De Filippi. Mai nessun compenso “in nessuna delle trasmissioni alle quali sono stata invitata come ospite. Così come in Mediaset”.

“Qui – ha precisato – non sono propriamente ospite, ma quando faccio un mio programma lavoro dalla A alla Z. Qui sono arrivata con scalette definite, contenuti stabiliti, canzoni scelte. Si trattava solo di gestire. E’ per quello che applico il mio comportamento da ospite”.

Intanto è record di accrediti per le due sale stampa del 67^ Festival di Sanremo: si tratta, riferisce l’Agi, di 1.341 accrediti, suddivisi tra i 616 per il Roof Ariston e i 725 per il Palafiori. La stampa estera è presente con 83 inviati di 47 testate, e spicca quest’anno la presenza dell’inviato di un settimanale cinese. Sono 49 le radiotv estere presenti. Al Roof Ariston accreditati anche 110 fotografi.

Al Bano, Alessio Bernabei, Clementino, Elodie, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Fiorella Mannoia, Giusy Ferreri, Lodovica Comello, Ron, Samuel. Sono i primi 11 artisti, in ordine alfabetico, che domani saliranno sul palco dell’Ariston per la prima serata del Festival di Sanremo.

Ospiti della serata saranno Tiziano Ferro, con un omaggio a Luigi Tenco e due suoi brani (uno dei quali cantato con Carmen Consoli), Ricky Martin con un medley, i Clean Bandit. Ci saranno anche Raoul Bova con alcuni interventi durante la serata e Maurizio Crozza con la videocopertina, il collegamento di Rocco Tanica dalla sala stampa.

Per lo spazio ‘Tutti Cantano Sanremo’ previsto un focus sul terremoto e ad una campagna contro il bullismo. Poi Paola Cortellesi con Antonio Albanese, Diletta Leotta, Rocio Munoz Morales, il giocatore di basket Marco Cusin e la giocatrice di pallavolo Valentina Diouf.

E’ Giorgio Moroder, infine, il presidente della giuria degli esperti del Festival di Sanremo, di cui fanno parte Linus, Andrea Morricone, Rita Pavone, Paolo Genovese, Violante Placido, Greta Menchi e Giorgia Surina.