07 febbraio 2017 | 14:42

SuperEva mette il turbo e punta ai Millennials. A un anno dal rilancio i contenuti prodotti sulla base dei trend Seo e social hanno portato il portale di Italiaonline a 2 milioni di uu/mese. La comunicazione investe sugli inflencer

Italiaonline ha presentato oggi a Milano la nuova versione di superEva a un anno dal suo debutto come primo sito italiano con argomenti scelti al 100% dai trend SEO e social. Un anno che ha visto superEva conquistare audience mese dopo mese, sino ad arrivare a oltre 2 milioni di utenti unici e 16 milioni di pagine viste mensili. L’obiettivo del portale è diventare punto di riferimento dei Millennials a cui offre contenuti positivi e divertenti e facilmente ‘sharabili’ e commentabili.

Partendo dalla grafica, superEva ha un nuovo logo e un nuovo impianto per rendere ancor più semplice e intuitiva la navigazione. L’home page offre in primo piano gli articoli più visti, condivisi e commentati; inoltre, sulla sidebar destra compare il “trendometro”, che mostra in tempo reale le notizie più interagite sulle piattaforme sociali e i contenuti più cercati sui motori di ricerca.

Com'era Supereva nel 2000 e com'è oggi

Com’era Supereva nel 2000 e com’è oggi

Il cambiamento del look and feel si integra con la strategia editoriale data driven del portale, realizzata dagli ingegneri di Italiaonline, che mescola le logiche dell’interazione umana con quelle del machine learning: una novità assoluta nel panorama editoriale italiano. In pratica gli argomenti e il confezionamento degli articoli sono prodotti in tempo reale in base ai trend più seguiti dai motori di ricerca (seo) e sui social.

Punto di partenza è la dashboard, che evidenzia gli argomenti più cercati e discussi in Rete attraverso l’analisi sui social e i motori di ricerca. In seguito gli articoli sono redatti tramite crowdsourcing, grazie a un team di editor che scrivono on demand su segnalazione del team di superEva. A questo sistema, reso ancora più efficiente grazie all’affinamento delle capacità di calcolo e all’esperienza di un anno di lavoro, si aggiunge l’engagement, che diventa l’elemento determinante per la visibilità sulla home page.

I contenuti del nuovo superEva, ottimizzati per ogni tipo di device, puntano sul cosiddetto “feel good factor”, con notizie basate su divertimento e curiosità, sui “come fare” e soprattutto sulle storie a lieto fine: dalle persone agli animali, con una narrazione leggera e attraente per offrire un momento di svago all’audience che sempre più cerca in Rete questa tipologia di contenuto. Ricca è la sezione video, realizzati sempre on demand e in funzione dei trend più seguiti, dal racconto di eventi e fatti curiosi all’illustrazione di scoperte scientifiche.

Management di Italiaonline: Domenico Pascuzzi, Direttore National Marketing e Carlo Meglio, Chief Development Officer

Management di Italiaonline: Domenico Pascuzzi, Direttore National Marketing e Carlo Meglio, Chief Development Officer

Al classico menù di navigazione si affianca una categorizzazione dei contenuti per reaction: Lol (risate a crepapelle), Gulp (cose da non credere), Love (un mondo di tenerezze), Wow (qualcosa di straordinario), Pop (sulla bocca di tutti). Una classificazione per chi vuole stare fuori dagli schemi comuni e si muove sulle piattaforme digitali seguendo l’onda delle emoji.

Sul fronte pubblicitario, il nuovo SuperEva punta su tre formati principali: il nuovo interstitial, i preroll nei video e l’engagement sui social. A cui si aggiunge il programmatic.

Per far conoscere il nuovo SuperEva Italiaonline punterà su un’intensa attività di comunicazione attraverso i maggiori influencer dei Millennials.

“Il bilancio del primo anno di superEva“ – ha commentato Domenico Pascuzzi, Direttore National Marketing di Italiaonline – “è estremamente positivo: abbiamo arricchito la piattaforma tecnologica che ci permette di gestire tutta la catena editoriale, dalla discovery dei trend in Rete, alla produzione in crowdsourcing, fino alla distribuzione e all’ottimizzazione delle performance in termini di visite ed engagement. Abbiamo ottenuto una crescita di audience molto forte, trainata dalle componenti social e mobile. Ora, l’obiettivo del nuovo superEva è quello di diventare sempre di più il punto di riferimento per chi cerca contenuti trendy e feel-good e attrarre i Millennials, un target molto attivo sui canali social e difficile da raggiungere per gli inserzionisti. Sul fronte dell’offerta pubblicitaria, tutta l’inventory di superEva, così come del resto tutto il nostro network, è disponibile in modalità programmatic e su base dato. Oltre a puntare sui video e sul native, lanciamo un nuovo formato premium: l’interstitial cross-device, un formato overlay che permette pianificazioni su desktop e mobile con robuste garanzie di viewability ed engagement.”

“Con superEva abbiamo portato in Italia un nuovo modo di produrre contenuti – ha dichiarato Carlo Meglio, Chief Development Officer di Italiaonline – sia dal punto di vista delle tematiche che della tecnologia e, a un anno dal varo, possiamo senz’altro dire che sia stata una scelta che ci ha premiati. E visto che lo spirito di innovazione continua fa parte del nostro DNA, oggi presentiamo un sito ancora più attraente e tecnologicamente all’avanguardia, pronto ad incrementare ulteriormente la propria audience”.