09 febbraio 2017 | 17:39

I giornalisti freelance in Italia guadagnano meno di un quinto dei colleghi assunti. E otto su dieci dichiarano redditi inferiori ai 10mila euro l’anno. I dati del rapporto Lsdi (INFOGRAFICHE)

Il 65,5% dei giornalisti italiani è un libero professionista, ma otto freelance su dieci dichiarano  meno di diecimila euro l’anno. Ad offrire una fotografia sullo stato dell’arte della professione è la nuova edizione del rapporto Lsdi sul giornalismo in Italia.

Lavoro dipendente

Su 50.674 giornalisti attivi iscritti all’Inpgi nel 2015 i giornalisti dipendenti sono 17.486 (il 34,5%). Un numero in calo dal 2009. Dei dipendenti, i giornalisti assunti con articolo 1 sono 14.578 (il 79,3% del lavoro dipendente). Come si vede dal grafico qui sotto il calo del numero dei giornalisti dipendenti è più rilevante fra gli uomini (meno 15,4%) che fra le donne (meno 9,1%):

Il reddito medio dei giornalisti dipendenti, evidenzia lo studio dell’Lsdi, è superiore di 5,4 volte a quello della libera professione (60.736 euro lordi annui contro 11.241). Ma è in lieve calo (-0,8%) rispetto al 2014.

La media retributiva del lavoro dipendente, come si può vedere dalla tabella qui sotto,
cresce col crescere dell’ età: dai 20.707 dei minori di 30 anni agli 89.505 della fascia 56-60 anni. Ma scende a 87.170 e a 69.030 nel segmento 61-65 anni e in quello da 66 anni in poi:

Il divario salariale di genere rimane, come evidenzia lo studio Lsdi, ma continua a diminuire, anche se molto lentamente. Nel 2015 le giornaliste dipendenti hanno guadagnato il 78,2% del salario maschile: mentre l’ anno precedente era il 76,5% e nel 2013 era il 76,3%.

Liberi professionisti

Il numero dei giornalisti autonomi alla fine del 2015 era pari a 33.188 (con un incremento dell’ 1,6% sul 2014, quando era stato del 4,9% rispetto al 2013 e del 9,5% nel 2013 rispetto al 2012). Oggi rappresentano il 65,5% della forza lavoro, mentre nel 2009 il rapporto era pari quasi al 50%.

Nel 2015 più di 8 lavoratori autonomi su dieci (l’ 82,7%) dichiaravano redditi inferiori a 10.000 euro annui, mentre la retribuzione media ha registrato un lieve calo, passando da 11.451 euro del 2014 a 11.241 nel 2015 (meno 1,8%).

Leggi o scarica lo studio completo.