09 febbraio 2017 | 11:37

Confermo che mi è stato chiesto dal presidente dell’Odg di segnalare passaggi falsi e diffamatori, adesso fioccano anche invenzioni sul mio conto, dice Di Maio (M5S): desidero un giornalismo d’inchiesta e non da gossip al soldo di editori impuri

“Non posso che rimanere sbalordito dalla sequela di invenzioni che fioccano sul mio conto. Ultima in ordine di arrivo che non abbia versato le quote d’iscrizione all’ordine dei giornalisti degli ultimi due anni: falso. Bastava farmi una telefonata e avrei dimostrato l’infondatezza di questa affermazione.

Inoltre, si continua a creare retroscena inesistenti sul mio ruolo nelle vicende del Campidoglio”. Cosi’ in una nota Luigi Di Maio, vice presidente della Camera dei Deputati. “Spiace veramente che si continui a parlare di liste di proscrizione. Mi e’ stato chiesto dal presidente dell’ordine dei giornalisti di segnalare i passaggi a mio avviso falsi e diffamatori. Non ho scritto una lettera segreta, ma aperta – aggiunge -. Questa ora diventa una lista di proscrizione, senza che nessuno entri nel merito delle mie segnalazioni. Il mio desiderio e’ di un giornalismo che sia animato da volonta’ sincera d’inchiesta e non da gossip al soldo di editori impuri”. (ITALPRESS).