La Rai sia al centro della costruzione di un sistema fact checking con altre emittenti europee, dice Monica Maggioni. Fondamentale rimettere al centro i fatti, con un servizio pubblico che diventi luogo di affidabilità

La Rai “si metta al centro della costruzione di un sistema di fact checking insieme alle altre emittenti europee”. A sottolineare questa necessità è la presidente di viale Mazzini, Monica Maggioni, intervenuta a un convegno sulla sicurezza della rete alla Camera. Maggioni ha sottolineato di “averlo chiesto da giornalista e da direttore” e ha aggiunto che ci sta “lavorando da presidente”.

Monica Maggioni, presidente Rai (Foto: Olycom)

E’ fondamentale, ha spiegato, “la rimessa al centro dei fatti come senso del servizio pubblico che si ristruttura come luogo dell’affidabilità”. La presidente della Rai ha poi invitato il sistema a “non usare mai più il termine bufale, perché per le bufale non si va in galera, invece per il falso sì: quindi chiamiamole con la durezza che si meritano”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato