14 febbraio 2017 | 14:35

Saper comunicare è essenziale anche nell’era digitale e delle fake news. L’inaugurazione dell’anno accademico all’Università Iulm con Mario Negri e Ferruccio de Bortoli (VIDEO)

Il 59,5% dei laureati triennali all’Università Iulm trova lavoro entro un anno dalla laurea, una percentuale che sale all’80,9% se si considerano i laurati magistrali. A fronte di una media nazionale pari al 42,6% per i laureati triennali e al 69,2% dei laureati magistrali. E’ quanto emerso in occasione dell’inaugurazione del nuovo anno accademico cui hanno partecipato il rettore Mario Negri, Giuseppe Di Lella, presidente del consiglio di amministrazione dello Iulm, e Ferruccio de Bortoli, ospite straordinario con una lazione sul tema della post-verità e sul ruolo del giornalismo nell’era digitale.

La prolusione di Mario Negri

“Il giornalismo di qualità, sia sulla carta stampata sia sui siti web, è indispensabile anche nell’era digitale e delle fake news”, secondo l’ex direttore del ‘Corriere della Sera’ e del ‘Sole 24 Ore’. Perché il ruolo del “cronista che vede, spiega e interpreta è essenziale” in una democrazia. Ed essenziale lo è ancor di più nella “rete, che è sì una piazza libera”, ha aggiunto de Bortoli, “ma crea anche capannelli di individui che spesso non dialogano tra loro”.

Il rettore, invece, ha fatto il punto su di un anno “fervido di eventi e cambiamenti”: dal “completamento della residenza studentesca di Cascina Moncucco”, all’accordo, “in fase di definizione, con l’associazione dei ginecologi italiani per insegnare ai nostri studenti come comunicare coi pazienti”. Senza dimenticare un sogno per il futuro: la “completa pedonalizzazione” della superficie dell’ateneo.

 

Crescono, infine, gli iscritti per l’Università Iulm (+9% al 1° anno della triennale, +15% per i corsi della magistrale), mentre si riduce al 15,2% il tasso di abbandono.

“Dopo alcuni anni in negativo chiudiamo il bilancio in positivo”, ha ricordato Di Lella. “Il prossimo obiettivo è un piano quinquennale in cui accantonare margini per altri investimenti”. Dalla tecnologia, “che permette miglioramenti nella didattica in aula e online”, all’”internazionalizzazione, che consente di creare un network accademico di prestigio”.

Al termine dell’inaugurazione dell’anno accademico, conclusasi con il tradizionale gesto del rettore che ha calzato il tocco, è stata distribuito il primo numero del 2017 di MasterX, il periodico del master in giornalismo dell’Università Iulm, con un’intervista a Ferruccio de Bortoli.