Mercato

17 febbraio 2017 | 13:05

Giglio Group approva il bilancio 2016 e comunica l’acquisizione di Evolve, società e-commerce di moda e design

Il consiglio di amministrazione di Giglio Group, società di e-commerce 4.0, ha approvato il bilancio consolidato al 31 dicembre 2016 durante un incontro il 15 febbraio 2016.

Di seguito, i principali dati economici riportati nel comunicato stampa:

• + 152% Ricavi (34,7 milioni di euro) rispetto ai ricavi del 2015.
• + 67% Ebitda (euro 8,0 milioni), rispetto al 2015 (4,7 milioni di euro)
• + 69% Utile Netto (1,7 milioni di euro) rispetto a quello del 2015 (Euro 1 milione)

Le variazioni di Ricavi, Ebitda ed Utile Netto considerando la divisione Giglio Fashion, acquisita nel marzo 2016 sono:

• + 178% Ricavi (38 milioni di euro)
• + 76% Ebitda (8,4 milioni di euro)
• + 105% Utile Netto (2,1 milioni di euro)

Dal punto di vista dei dati patrimoniali consolidati, si evidenzia che:
- il patrimonio netto al 31 dicembre 2016 ammonta a 13,5 milioni di euro , rispetto ad 10,3 milioni evidenziati nel bilancio consolidato al 31.12.2015;
- la posizione finanziaria netta è pari a 10,2 milioni di euro, contro 2,5 milioni evidenziati al 31.12.2015.
La variazione della Pfn è dovuta all’acquisizione di Mf Fashion e M-Three SatCom per un esborso di 4 milioni di euro, a cui si aggiungono gli importi relativi al meccanismo di earn out futuri a favore dei venditori delle società acquisite e una quota di capitale circolante richiesta a sostegno delle attività rilevate.
Si fa presente nella nota stampa che la Pfn include per la prima volta la riclassificazione da Equity a Debito della posizione di Simest, che detiene una partecipazione del 49% in Giglio Tv Hong Kong. Tale partecipazione viene quindi riclassificata per un importo pari a 1,5 milioni di euro. Di conseguenza, la Pfn, normalizzata da questa variazione, corrisponderebbe a 8,7 milioni.

Vengono poi  presentati i dati di stato patrimoniale e conto economico al 31.12.2016, comunicati dall’azienda:

Giglio Group annuncia inoltre l’acquisizione completa del gruppo Evolve, società dedicata all’e-commerce in ambito fashion, beauty e design a livello internazionale. Oltre ad erogare piattaforme e servizi b2b a marchi come Liu Jo e Guess, essa supporta gli shop online di marchi quali Max Mara, Alessi, Brics, Pinko, Moleskine, Golden Goose, Patrizia Pepe, Ermanno Scervino e Stefano Ricci.

Come riporta la nota stampa, il controvalore dell’operazione è pari a 5,4 milioni di euro, di cui 1,5 milioni da pagare alla data del closing utilizzando disponibilità proprie e 3,9 milioni tramite l’emissione di 1.222.000 nuove azioni Giglio Group riservate agli attuali azionisti di Evolve. A fronte di un enterprise value pari a 5,4 milioni di euro, il multiplo applicato sull’Ebitda è pari a 3.86x, calcolato sulla base dei dati di bilancio 2016 stimati. Evolve, che ha chiuso il bilancio 2015 con ricavi pari a 33 milioni di euro , stima di chiudere il bilancio 2016 con ricavi pari a 49 milioni di euro e un Ebitda pari a 1,4 milioni. Il perfezionamento dell’operazione, previsto per il mese di aprile 2017, è subordinato all’approvazione dell’aumento di capitale riservato all’operazione da parte dell’assemblea dei soci di Giglio Group, da convocarsi il 20 Marzo 2017.

Alessandro Giglio, presidente di Giglio Group, commenta: “I risultati del 2016 sono motivo di grande soddisfazione perché segnano la forte accelerazione del nostro piano industriale. L’acquisizione di Evolve ed il lancio di Ibox sono una tappa davvero importante, un milestone significativo per la crescita strutturale del Gruppo che si avvia così a triplicare la propria dimensione e si prepara all’approdo sul mercato Star previsto entro l’estate. Ibox sarà multicanalità, in quanto non rappresenterà solo l’integrazione fra i canali distributivi tradizionali e digitali, ma, determinerà una correlazione diretta fra vendite e comunicazione. L’obiettivo di Giglio Group è trasformare i telespettatori e gli utenti in consumatori”.