20 febbraio 2017 | 11:06

Se uno travestito da ufficiale dell’Armata Rossa e va all’assemblea Pd armato di telecamera, sta facendo informazione o spettacolo? Si chiede Michele Serra: e se non si risponde, si boicotta la libertà di informazione o si rifiuta di fare la comparsa (gratis) in uno show altrui?

La Repubblica – 20/02/2017 – Michele Serra, L’Amaca:  Il dibattito sull’informazione è complicato. Per esempio: se uno (è accaduto ieri) si traveste da ufficiale dell’Armata Rossa e va all’assemblea della minoranza Pd con una telecamera, sta facendo informazione o spettacolo? E se i presenti gli dicono “si levi dalle scatole”, stanno boicottando la libertà di informazione o stanno difendendo il loro diritto di non fare le comparse (gratis) in uno show altrui?

Michele Serra (foto Europaquotidiano)

Michele Serra (foto Europaquotidiano)

La domanda non sembri campata in aria: perché l’ufficiale dell’Armata Rossa, seccatissimo di non essere il benvenuto, ha invocato, strillando, “l’articolo 21″, che si riferisce alla libertà di stampa e di espressione del pensiero. C’è una grande confusione sotto il cielo. Ci sono giornalisti che vengono ammazzati dalla mafia e ci sono showmen che si appellano all’articolo 21 perché non possono liberamente organizzare una gag in casa altrui. Ci sono leader politici (negli Usa e in Italia) che accusano in blocco la stampa di falsità, e si considerano l’unica fonte autorizzata a parlare di se stessi. E ci sono giornali e giornalisti che davvero usano il falso e la calunnia come arma ordinaria, ma si nascondono dietro il diritto di informazione. L’unico modo di orientarsi, nel caos, è quello (antichissimo!) di cercare di distinguere, caso per caso, tra gentiluomini e no.