22 febbraio 2017 | 12:26

Il 95% degli editori che erano al Salone del Libro di Torino l’anno scorso confermano la loro presenza per il 2017. Lagioia: il titolo sarà: Oltre il confine. Bray: per la trentesima edizione vogliamo aprire 30 finestre sul mondo

“Il 95% degli editori presenti alla passata edizione del Salone del Libro di Torino hanno già preso uno stand per l’edizione 2017″. Così Nicola Lagioia, direttore editoriale della kermesse libraria in programma nel capoluogo piemontese dal 18 al 22 maggio prossimi.

“Al momento – ha aggiunto Lagioia – non ci sono tutti quelli dello scorso anno ma alla fine rischiano di essere molti di più”.

Nicola Lagioia

“Il titolo dell’edizione 2017″, la 30esima per il Salone del libro di Torino, sarà ‘Oltre il confine’”, ha annunciato il direttore editoriale della kermesse libraria, sottolineando come “il concetto di frontiera sia centrale per capire il mondo contemporaneo”. La Regione ospite, sarà la Toscana.

“L’impresa non era facile, ma oggi a tre mesi dall’evento, possiamo dire che il clima è davvero cambiato”. Così Massimo Bray, ex ministro e presidente in pectore della Fondazione per il Libro: “abbiamo cambiato una situazione che l’estate scorsa era stata di grande preoccupazione”.

Massimo Bray (foto Olycom)

Massimo Bray (foto Olycom)

Bray ha anche annunciato che “sono arrivate adesioni da Francia, Spagna, Usa e Russia” e ha concluso: “il valore del libro è al centro della nostra tradizione e tale dovrà rimanere e vorrei che la trentesima edizione sapesse aprire 30 finestre sul mondo per avvicinare il mondo della cultura a Torino”.

L’ex ministro Bray diventerà, infine, presidente della Fondazione per il Libro, l’ente promotore del Salone del Libro di Torino, entro la fine di marzo. Lo ha annunciato l’attuale presidente, Mario Montalcini, che con l’ingresso di Bray assumerà l’incarico di vicepresidente. L’annuncio nel corso della presentazione della trentesima edizione della kermesse, la prima dopo lo strappo con Milano. “I conti sono in ordine”, ha anche assicurato Montalcini.