L’Espresso torna alla sua testata storica. Non è un’operazione nostalgia, dice il direttore Cerno, ma un nuovo inizio

‘L’Espresso’ torna alle origini. A partire dal numero in edicola domenica 26 febbraio, il settimanale si presenterà ai lettori con la sua testata storica, quella inventata da Arrigo Benedetti ed Eugenio Scalfari nel 1955. “Non è un’operazione nostalgia”, ha spiegato il direttore Tommaso Cerno, “ma un nuovo inizio, perchè la nostra storia è il nostro futuro”. Un modo quindi per “guardare al domani”.

Ad accompagnare la novità, anche un restyling grafico, sempre ispirato alla tradizione del giornale riletta in chiave contemporanea, con servizi, sezioni tematiche e analisi di firme italiane e internazionali, che vogliono coinvolgere il lettore in una sorta di ‘libro settimanale’.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Dl fisco, digital tax in vigore dal 2020 fino a disposizioni da accordi internazionali

Dl fisco, digital tax in vigore dal 2020 fino a disposizioni da accordi internazionali

Gedi, preoccupazione dai cdr. La Stampa: chiarire strategie, serve rilancio. L’Espresso: guerra che non giova a testate

Gedi, preoccupazione dai cdr. La Stampa: chiarire strategie, serve rilancio. L’Espresso: guerra che non giova a testate

Mediaset: Vivendi ritira la causa in Olanda

Mediaset: Vivendi ritira la causa in Olanda