23 febbraio 2017 | 17:30

Margine operativo lordo positivo nel 2018 per il Sole 24 Ore. Il presidente Fossa: con l’approvazione del piano siamo al primo miglio, ma abbiamo fiducia. Boccia: il quotidiano un asset strategico per il Paese e Confindustria

“Siamo al primo miglio di lavoro ma siamo fiduciosi di portare risultati positivi”. Così il presidente del Gruppo 24 ore, Giorgio Fossa, commenta il piano industriale approvato dal Cda del gruppo lunedì scorso a margine del Consiglio generale di Confindustria.

“Nel piano prevediamo un margine operativo lordo positivo già nel 2018″, spiega rinviando i contenuti specifici “alle prossime settimane, dopo la comunicazione del piano dettagliato ai mercati”.

fossa

Giorgio Fossa, presidente del Gruppo 24 Ore (Foto: Olycom)

Il piano, ha aggiunto Fossa, “prevede un approccio prudente sui ricavi, che restano stabili o in modesta crescita nell’arco del piano, ma avvia un forte intervento di riduzione dei costi. Il costo del lavoro del Gruppo scenderà nell’arco del piano a livello delle migliori performance del settore”, aggiunge Fossa tratteggiandone le linee guida. Linee che prevedono tagli “che non riguardano solo il personale: stiamo già lavorando alle procedure di acquisto e al contenimento delle spese per marketing e promozioni”, conclude.

“Convocheremo presto un Consiglio Generale straordinario di Confindustria dedicato esclusivamente al risanamento e al rilancio del Gruppo Sole 24 Ore”, ha aggiunto il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia a margine del Consiglio generale di viale dell’Astronomia.

Boccia ha ringraziato Fossa e il Cda del Sole per “l’impegno profuso con realismo e pragmatismo sul piano di risanamento del Gruppo”. Il Sole 24 Ore, ha concluso, “è un asset strategico per Confindustria, per il sistema industriale e finanziario italiano, ma anche per il Paese”.

Vincenzo Boccia (foto Olycom)