Dal 1 gennaio 2017 nessun costo di istruttoria per i nuovi associati Siae. Il presidente Sugar: un passo per favorire il diritto di tutti gli autori ed editori di essere tutelati, ricevendo il giusto compenso per il proprio lavoro

Dal 1° gennaio 2017 gli autori ed editori che si sono iscritti e si iscriveranno per la prima volta a Siae non pagheranno più la quota istruttoria della domanda di associazione, ovvero le spese di avviamento della pratica. Lo comunica la Società degli autori e degli editori, precisando che la decisione è stata approvata all’unanimità dal Consiglio di Gestione della Società ed avrà effetto retroattivo, prevedendo la restituzione della quota di istruttoria versata a coloro che hanno inoltrato domanda di adesione all’inizio del 2017.

Filippo Sugar, presidente Siae (Foto: Olycom)

“Oltre alla gratuità per gli under 31 introdotta nel 2015, l’abolizione del costo di istruttoria per la prima iscrizione a Siae senza limiti di età rappresenta un ulteriore importante passo per favorire il diritto di tutti gli autori ed editori di essere tutelati e ricevere il giusto compenso per il proprio lavoro”, ha commentato il presidente Filippo Sugar.

“Il nostro obiettivo”, ha aggiunto, “è quello di essere una società di collecting sempre più competitiva con le altre grandi collecting del mondo, registrando un aumento degli incassi a fronte di una diminuzione di costi per la Società e per chi crea”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Calcio in diretta social: la Lega Pro sperimenta una partita di Coppa Italia in diretta Facebook e Twitter

Juventus Tv, rinasce sul web con un canale on-demand

Rai, Laganà: ricerca di intesa politica delegittima l’azienda e blocca il cambiamento