La Rai smentisce ‘Repubblica’: nessuna creazione di nuove testate giornalistiche, comunque necessaria l’approvazione formale del Cda. Confermiamo il percorso di innovazione digitale affidato a Milena Gabanelli

In merito ad alcune indiscrezioni di  stampa su nuove testate giornalistiche che Rai avrebbe deciso di creare, si precisa che tali notizie sono prive di fondamento. Tale percorso necessita peraltro di un’interlocuzione e di un’approvazione formale da parte del Consiglio di amministrazione”. E’ quanto si legge in una nota di Viale Mazzini.

Nella foto, Monica Maggioni e Antonio Campo Dall’Orto (foto Olycom)

“Risponde invece al vero – prosegue la nota ripresa da AdnKronos – che l’azienda voglia colmare la distanza che la separa da altre piattaforme d’informazione on-line, un intervento da tempo annunciato che si inserisce nel  percorso di innovazione digitale avviato con successo da Rai Play, e che a questo compito il direttore generale abbia chiamato a dare il suo prezioso contributo Milena Gabanelli”.

“Ogni passaggio relativo a questo processo dovrà necessariamente avvenire attraverso il positivo confronto messo in atto con il Cda e con tutti i soggetti competenti relativamente al Piano per l’Informazione”, conclude la nota della Rai.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fnsi-Usigrai-Odg: basta lottizzazione. Serve legge che liberi la Rai dai partiti

Upa e Nielsen mettono online lo storico degli investimenti adv in Italia dal 1962 a oggi

Crédit Agricole tifa Inter. Maioli a Spalletti: sponsorizziamo la Francia e vince i Mondiali, ora tocca a lei…