Il derby tra Inter e Milan si giocherà all’ora di pranzo. Il momento perfetto per guardare la partita in tv dalla Cina

Derby di Milano a mezzogiorno alla vigilia di Pasqua. Si giocherà alle 12:30 per la prima volta nella storia la stracittadina tra Inter e Milan in occasione della tredicesima giornata di ritorno in calendario per sabato 15 aprile. Lo si apprende dall’elenco delle date di anticipi e posticipi fino alla 33sima giornata di campionato rese note oggi dalla Lega Serie A.

Il presidente dell’Inter Erick Thohir (di spalle) con l’ad Michael Bolingbroke e Zhang Jindong, presidente di Suning Group (Foto: Olycom)

“Probabilmente è solo un caso”, scrive la ‘Gazzetta dello Sport‘, ma la decisione “fa discutere i tifosi” e “suona come una scelta di marketing per catturare l’attenzione del mercato cinese”. In Cina, infatti, ricorda la Rosea, “le 12:30 sono le 19:30, l’orario perfetto per guardare la partita in tv”. Nessuna comunicazione è stata fatta al riguardo della scelta dell’orario da parte dei due club.

“Vorrei che il derby venisse giocato all’ora di pranzo, così i milioni di appassionati asiatici possono godere dello spettacolo”, aveva dichiarato già nel 2013 Erick Thohir, quando diventò presidente dell’Inter, che nel frattempo è passata in mano ai cinesi di Suning.

E mentre cresce l’attesa per il closing del Milan con i cinesi di Ses, è stata confermata anche la data del 24 luglio per il derby Milan-Inter che sarà giocato in terra cinese in occasione della International Champions Cup al Nanjing Olympic Sport, lo stadio del Jiangsu di Suning. Dopo la Supercoppa Italiana del 2011 giocata a Pechino e il derby del luglio 2015, sarà il terzo derby di Milano giocato in terra cinese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Panico tra gli utenti Netflix: arriva la pubblicità? L’azienda: no, sono “promotionals” (e si possono skippare)

Esposto Codacons all’Antitrust su Sky e Dazn: pratiche commerciali scorrette e pubblicità ingannevole

L’Ue verso sanzioni più severe contro piattaforme web che non rimuovono subito contenuti di propaganda estremista