15 marzo 2017 | 18:27

Trend positivi per RadioMediaset: 105 leader negli ascolti con tre programmi, raccolta a +4,3% e grandi progetti per Virgin e R101. Pier Silvio Berlusconi: business in crescita e sinergico. Con Vivendi tutto fermo; il canale 20 è nostro

Roberto Borghi – La prima presentazione ufficiale dell’offerta radiofonica Mediaset – oggi a Milano  in Largo Donegani sede di 105, Virgin e Rmc – è stata l’occasione per la stampa di avere a  disposizione il top management del Biscione, a partire da Pier Silvio Berlusconi, a cui fare domande sui temi caldi del comparto radiotv. “Non abbiamo fatto stravolgimenti nelle emittenti acquisite perchè andavano già bene e perchè radio e televisione sono mezzi diversi”, dice Pier Silvio Berlusconi che precisa: “la nostra presenza nel comparto radio aumenta la concorrenza ed è un bene per tutti”.

Da sinistra, Paolo Salvaderi, Pier Silvio Berlusconi e Marco Giordani

Da sinistra, Paolo Salvaderi, Pier Silvio Berlusconi e Marco Giordani

RADIO

Con l’acquisizione di Finelco, Mediaset è diventata il primo gruppo radio nazionale con il 16% di ascoltatori nel Quarto d’ora medio dalle ore 6 alle ore 24 (dati RadioMonitor, secondo semestre 2016). Considerando la partnership con Radio Monte Carlo, la share sale al 17%.

Come ha detto il cfo Marco Giordani, Mediaset ha finora investito 130 milioni di euro nel comparto e  se “al momento dell’acquisto (di Finelco, NDR) perdeva 6 milioni di euro, nel budget 2017  RadioMediaset è riuscita a passare a un segno più”. L’obiettivo della controllata radiofonica, ha aggiunto Giordani, è arrivare al 2020 con un risultato operativo di 13 milioni di euro.

Grande orgoglio per  Paolo Salvaderi, ad RadioMediaset, nel presentare per la prima volta ufficialmente il gran lavoro  fatto sulle emittenti entrate nell’orbita del gruppo: sono di 105 i tre programmi radio più ascoltati  d’Italia, secondo gli ultimi dati Radiomonitor. ‘Tutto esaurito’, ‘Lo Zoo di 105′ e ’105 Friends’  hanno infatti la leadership nel quarto d’ora medio,  ”la currency usata sul mercato per definire gli  investimenti pubblicitari”, spiega Salvaderi, che precisa: “vanno molto bene anche le altre  nostre emittenti, Virgin e 101, e MonteCarlo di Alberto Hazan con cui abbiamo una partnership forte”.

Su Radio 105, stella dell’offerta RadioMediaset con 4.8 milioni di ascoltatori al giorno, su cui si concentrano un sacco di progetti a partire da quello televisivo che lunedì 27 marzo porta su Italia1 il
programma ‘Teste di casting’ ideato da paolo Noise di 105, alle partnership con programmi come ‘L’Isola dei famosi’, per  arrivare all’ampiamento della copertura del segnale che solo a gennaio ha visto l’acquisizione di 25 frequenze.

Per la rock radio Virgin in arrivo il 12 luglio una novità per festeggiare il compleanno. Intanto a giugno parte in collaborazione con la rivista Icon di Mondadori la doppia edizione semestrale – a
giugno e dicembre – dello speciale ‘Virgin Style Rock’, dedicato a moda e icone della chitarra elettrica.

Su R101 Salvaderi ha schiacciato l’acceleratore per passare dagli attuali 1.8 milioni di ascoltatori a due il prossimo anno. “Vogliamo intercettare gli ascoltatori che non cercano solo musica italiana ma un sound internazionale”, dice Salvaderi che precisa come “il pubblico di R101 sta diventando prevalentemente femminile, un target perfettamente integrato nell’insieme del nostro portafoglio”.

Su Rmc, Alberto Hazan, in collaborazione con Mediaset, ha annunciato un piano di rilancio del progetto Rmc2

PUBBLICITA’
La raccolta di Mediamond nel comparto radio è cresciuta del 4.3%, un po’ meglio della media Fcp Assoradio.

Per quanto riguarda il gruppo nei primi sei mesi di quest’anno, Mediaset stima di avere “un segno positivo” nella raccolta pubblicitaria rispetto allo stesso periodo del 2016. Pier Silvio Berlusconi: “c’e’ pochissima visibilità sul tema, ma stimiamo comunque meglio del mercato cosa che già oggi sta avvenendo”.

MEDIASET PREMIUM – VIVENDI E SKY

Pier Silvio Berlusconi: “Su questo fronte è tutto fermo. Loro hanno rotto il contratto e Mediaset ritiene che debba essere risarcita per un danno grave. Valutato circa 1.5 miliardi di euro. La soluzione la devono trovare loro, noi proseguiamo facendo il nostro lavoro come sempre. La vicenda è in mano ai legali. Qualcuno dice che in vivendi sono fiduciosi? Ma di cosa, dico io. L’accordo che avevamo era il migliore possibile per entrambi, quindi altri accordi li vedo difficili. E comunque non è mai arrivata alcuna proposta”.

“Che le Authority si stiano muovendo sulla questione Vivendi ci fa piacere e ci sembra anche doveroso”. Così l’ad Mediaset. “Siamo assolutamente convinti di avere ragione” e a Mediaset sembra naturale che vengano posti sotto osservazione “comportamenti altrui contrari all’etica e alla serietà”.

“Niente”. Così l’amministratore delegato di Mediaset, Piersilvio Berlusconi, risponde a una domanda su cosa ci sia di vero nell’ipotesi che sia in definizione la vendita di Premium a Sky. “Non ci sono trattative concrete”.

LCN20
“Mediaset si è assicurata il canale 20″, dice Pier Silvio Berlusconi, confermando le voci di intesa con TBS-Retecapri. “Stiamo aspettando la fine di una serie di passaggi burocratici e di controllo, ma posso dire che il canale 20 è nostro”. Cosa ci mettiamo dentro? “E’ prematuro dirlo adesso “. L’acquisizione del canale 20 dovrebbe portare con sè anche il canale 120 e il 520, rispettivamente Rete Capri +1 e Rete Capri HD.

EiTOWERS
“Due anni fa era stata lanciata un’Opa: siamo ancora convinti che questo sia strategico per il settore e anche per il Paese. E’ una cosa che ci piace, è giusta”. Afferma l’ad Mediaset sull’integrazione traa Ei Towers (controllata al 40%) e Rai Way. “Eravamo disposti ad essere in minoranza allora e lo siamo anche adesso. Vi sono stati colloqui, ma al momento non c’è nulla di concreto in essere”.

TER e UPA
La prossima rilevazione degli ascolti radio sarà gestita da Ter – Tavolo editori radiofonici, che prenderà il posto di RadioMonitor. “Il passaggio da un sistema all’altro è sempre delicato”, dice Salvaderi che su Upa, che non partecipa a Ter, precisa: “siamo aperti al loro ingresso ma non possiamo permettere che qualcuno detti le regole, non sono ammissibili dictat per gli editori”.

CRUCIANI
“Giuseppe Cruciani ha firmato un contratto che prevedeva il suo passaggio a 105, ma non l’ha rispettato per cui siamo in causa, serenamente”, dice Pier silvio Berlusconi.

Paolo Salvaderi e Pier silvio Berlusconi

Paolo Salvaderi e Pier silvio Berlusconi

 

I PIANI DI SVILUPPO DELLE TRE RETI RADIOMEDIASET

RADIO 105

Con tre suoi programmi – “Tutto esaurito”, “Lo Zoo di 105” e “105 Friends” – in testa alla classifica dei programmi più ascoltati d’Italia e con la maggiore fedeltà di ascolto in tutto il panorama italiano, Radio 105 fa dell’intrattenimento e dell’attenzione alla musica pop, dance e urban la propria cifra distintiva.
Irriverente e coinvolgente, Radio 105 sceglie di essere presente sul territorio per incontrare il proprio pubblico nel corso degli eventi più cool, occasioni uniche per entrare in contatto con target altrimenti difficilmente raggiungibili. Solo due esempi: The Color Run e Milano Games Week.
Nel 2016 Radio 105 ha seguito alcuni tra gli eventi musicali e i tour maggiormente aderenti alle passioni della propria audience: Marco Mengoni, Jack Savoretti, Sfera Ebbasta fino al super evento/concerto di Justin Bieber.

Il piano strategico per il 2017 prevede, per Radio 105, la conferma del posizionamento attuale, il consolidamento della leadership nel quarto d’ora medio, l’implementazione della copertura territoriale per accrescere gli ascolti a livello nazionale insieme a una nuova strategia di sviluppo del digitale.

VIRGIN RADIO

Nata il 12 luglio 2007 e giunta quest’anno al decimo anniversario, Virgin Radio gode di un posizionamento da sempre molto preciso: lo Style Rock. La carica e l’energia della migliore proposta musicale si riconoscono in un palinsesto sempre più ricco di personaggi e contenuti ad alto tasso rock, e nell’attenzione che Virgin Radio dedica ai concerti e ai tour/evento delle rockstar internazionali.
Nel 2016 Virgin Radio ha seguito da vicino il mitico festival Desert Trip dove sullo stesso palco si sono esibiti The Who, Rolling Stones, Neil Young, Roger Waters, Bob Dylan e Paul McCartney, il tour italiano dei Red Hot Chili Peppers, Rock In Roma, le date di Bruce Springsteen e per il 2017 ha già chiuso importantissime partnership con Aerosmith, Green Day, Radiohead, Guns’n’Roses, RHCP.

Il piano strategico per il 2017 prevede il consolidamento del posizionamento dell’emittente a forte vocazione internazionale, il presidio di tutti i principali eventi e concerti rock, l’ingaggio della community di Virgin Radio e attività di cross promotion.

R101

R101 Enjoy the Music, ovvero la migliore programmazione musicale adult contemporary e i concerti delle grandi star internazionali.
A loro è dedicato R101 Special Artist, il format radiofonico con il quale l’emittente accompagna il proprio ascoltatore incontro a un appuntamento, a un concerto esclusivo. Così è stato fatto, per esempio, con gli show di Adele all’Arena di Verona, di Beyonce allo Stadio di San Siro o per l’uscita degli ultimi album di Sting, Lady Gaga, Bruno Mars.
Per il 2017 R101 ha già chiuso importanti partnership con i Depeche Mode, Lady Gaga, Ariana Grande, Jamiroquai, Bryan Adams, James Blunt.
Con un posizionamento internazionale e urban e uno stile di conduzione positivo e solare, R101 presenta una programmazione musicale all’avanguardia e quando va sul territorio sceglie eventi esclusivi come per esempio il Fuorisalone e il GQ Freak Out Music & Style.

Il piano strategico per il 2017 prevede il proseguimento nel lavoro di posizionamento di R101 come emittente leader nella musica insieme all’ampliamento delle modalità di fruizione dei contenuti musicali crossmediali (Sistema R101 RD, TV, Web).