Un bando di gara per le agenzie? Cantone: è una di quelle cose fatte un po’ “all’italiana”… ma gli appalti di servizio si possono fare solo con il codice dei contratti

“Questa è una di quelle cose un po’ all’italiana. Se quella specifica vicenda va qualificata come un servizio e non come contributo, l’unico modo di fare un appalto di servizio è utilizzare il codice dei contratti”. Così il presidente dell’Anac Raffaele Cantone ha risposto a una domanda sul bando di gara europeo per le agenzie di stampa.

Raffaele Cantone (foto Olycom)

“Poi si può utilizzare la gara aperta o, se ricorrono i presupposti, anche la procedura negoziata”, ha spiegato prima di tenere una Lectio magistralis alla Statale di Milano. “Il codice prevede varie tipologie di procedura e spetta al governo stabilire come. Però quello è un appalto di servizio e gli appalti di servizio nel nostro Paese si possono fare solo utilizzando il codice dei contratti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Malagò contro il Governo: questa non è una riforma, ma un’occupazione del Coni. Replica da Giorgetti: autonomia dello sport non in discussione

Radio digitale, Salini: di serie sulle auto nuove. Sergio: aumenta la fame di contenuti, Rai tira la volata all’intrattenimento in auto

Vivendi acquista la casa editrice Editis per 900 milioni. De Puyfontaine: in Tim situazione grave