24 marzo 2017 | 14:57

Mi farebbe piacere se Mediobanca restasse nel capitale di Rcs, dice Cairo, che sull’inserto ‘L’Economia’ aggiunge: a marzo raddoppiati gli investimenti pubblicitari

“Mediobanca è un socio storico di Rcs e l’ha accompagnata per molto tempo. Mi sembra che stiano anche collaborando in consiglio, non vedo problemi al fatto che rimangano soci anzi mi farebbe piacere”. Ad affermarlo Urbano Cairo, presidente e a.d. di Rcs, al primo Milano Marketing Festival organizzato da Class Editori, commentando quanto detto dall’ad di Mediobanca, Alberto Nagel, che nella conference call per la presentazione dei risultati 2016, aveva confermato l’intenzione della banca di proseguire nel percorso di dismissione delle partecipazioni, tra cui Rcs.

Urbano Cairo (foto Olycom)

Nell’occasione, l’editore – che ha ricevuto il premio ‘The value of the art of Marketing Award’ nella categoria Special Award, ha commentato anche i numeri registrati da ‘L’Economia’, l’inserto del lunedì del ‘Corriere della Sera’ rilanciato in una nuova veste la scorsa settimana. “Il primo ha venduto 32.000 copie in più”, ha spiegato Cairo, parlando di una “buonissima risposta da parte dei lettori e anche molto buona da parte dei nostri investitori che hanno raddoppiato gli investimenti sull’inserto nel mese di marzo da 400.000 a 950.000 euro”

“Giro il premio alla redazione economia del corriere”, ha poi aggiunto il presidente e ad di Rcs, “che ha tutto il merito del rinnovamento di questo giornale. Questo riconoscimento”, ha spiegato ancora, “premia la carta, che ancora rappresenta il 90% dei ricavi e la maggior parte dei margini. Non vuol dire che io non creda nel digitale, ma in Italia dobbiamo ancora capire bene come estrarre valore dall’online”.