Il segretario Ugl, Capone, sull’ipotesi bando Ue per i servizi informativi: pluralità garantita dalle agenzie italiane. Preoccupazione per il possibile affidamento della cronaca politica a realtà straniere

“Solidarietà ai circa 2500 – fra indotto e diretto – lavoratori delle agenzie di stampa che hanno scioperato tutte insieme per la prima volta nella storia” è stata espressa dal segretario dell’Ugl, Paolo Capone, in una dichiarazione in sala stampa a Montecitorio. Secondo il sindacalista “c’è preoccupazione” per il possibile “affidamento della cronaca politica a colossi stranieri che ricevono cospicui finanziamenti dai loro governi”.

C’è un problema di “pluralità che può essere garantita dalle agenzie italiane. L’Ugl”, ha concluso Capone, “continuerà la battaglia per garantire democraticità, concorrenza e livelli occupazionali”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editoria, Crimi: aboliremo finanziamento pubblico ai giornali. Dal 2020 via 60 milioni di fondi

Borsellino festeggia 30 anni di Italpress. Istituzioni, editori, tanti amici e giornalisti alla cena di gala

Confindustria Radio Tv: tagli a informazione non portano benifici; costruire nuovo modello business e riconosciuto copyright